La gabbia della Brexit

A
A
A

May day

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti6 dicembre 2018 | 11:13

Il fantasma della Brexit continua ad aggirsi a Westminster. Le intese trovate dal primo ministro Theresa May con il negoziatore europeo Michel Barnier sono sotto accusa perché è stata creata una sorta di gabbia, il mercato interno europeo e l’Unione doganale, da cui è impossibile uscire. Il prossimo 11 dicembre ci sarà il voto finale sulla proposta elaborata tra la May e Barnier.

Ma la premier è già stata battuta due volte per «oltraggio al Parlamento», non avendo voluto trasmettere nella sua interezza il rapporto legale elaborato dal consulente legale del governo. Sui seguiti dell’accordo dovrà quindi decidere in primo luogo il parlamento inglese. E c’è chi spera in un nuovo referendum, che ribalti la decisione favorevole alla Brexit.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

Dalla Brexit alla Brentry

Elezioni Uk, i gestori private promuovono la mossa

Ti può anche interessare

Il “buy” del consulente – 22/10/18, da Digitouch a StM

I consigli giusti in diretta da Piazza Affari ...

Dal voto bruciati 200 miliardi degli italiani

C'è chi ha provato a calcolare quanto sia costata l’incertezza politico-finanziaria che si è ins ...

ConsulenTia19, gestori in vetrina: GSAM

Intervista Davide Andaloro, market strategist di Goldman Sachs Asset Management ...