Per sfruttare al meglio i dividendi ecco il certificato Bull Q-Rate Dividend Europe di Exane

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Ottobre 2015 | 12:00

Secondo gli analisti di Exane Derivatives il rischio che l’inflazione possa essere inferiore alle stime porterà la Bce a prolungare e ampliare il programma di acquisto di asset nel corso dei prossimi trimestri. Così come avvenuto negli USA in occasione dell’implementazione del QE della Fed, i rendimenti obbligazionari europei a lungo termine dovrebbero continuare a subire pressioni ribassiste.

Inoltre in Europa, sempre secondo Exane Derivatives  lo scarto tra rendimento del dividendo e rendimenti obbligazionari non è mai stato così favorevole alle azioni. La ricerca di rendimento porterà, dunque, gli investitori ad interessarsi sempre di più al rendimento dei titoli azionari. Il dividendo è sia un driver di performance (sul lungo periodo, il dividendo ha contributo per più di un terzo alla performance total return delle azioni) sia un criterio di stock-picking (la crescita del dividendo è, ad esempio, percepita come un segnale positivo sugli earnings futuri).

Quindi, in un contesto che si caratterizza per crescita moderata, inflazione bassa e tassi ai minimi, vanno privilegiato le azioni con dividendo elevato o con dividendo crescente? La risposta, a detta degli analisti dell’istituto transalpino, non è però univoca e deve, inoltre, tener conto della sostenibilità del dividendo nel tempo.

Q-Rate Dividend Europe, un metodo per selezionare le azioni in funzione del dividendo
Q-Rate Dividend Europe è un processo sistematico elaborato dai team di Ricerca del Gruppo Exane per selezionare e ordinare secondo una graduatoria le azioni liquide dell’indice MSCI Europe ex-Financials che offrono il miglior compromesso tra dividendi significativi, crescenti e sostenibili. Il primo filtro per lo stock picking è che il rendimento minimo, il dividend yield dell’azione, deve essere almeno uguale al 50% del dividend yield delle azioni dell’MSCI Europe. Il dividendo deve poi essere sostenibile nel tempo. E in quest’ottica vengono applicati filtri quantitativi sulla politica di distribuzione dei dividendi e sulla solidità del bilancio per minimizzare il rischio di un taglio degli stessi. Segue poi un’attribuzione di un punteggio sistematico e relativo dei titoli secondo 3 assi: dividend yield, crescita storica del dividendo e andamento futuro del dividendo (sostenibilità del dividendo nel tempo).

Basandosi sulla qualità della ricerca del gruppo Exane, Exane Derivatives ha creato l’indice Exane Q-Rate Dividend Europe, in euro, che replica la lista di raccomandazioni Q-Rate Dividend Europe

Per sfruttare le caratteristiche di questo indice, Exane Derivatives ha strutturato un certificato, il BULL Q-RATE DIVIDEND EUROPE (codice Isin FR0012937449) quotato sul mercato Euro-Tlx, in euro e con durata perpetua.

Gianluigi Raimondi

Exane Q-Rate Dividend Europe

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X