Mercati: Wall St. e la statistica nell’anno delle elezioni di mid term

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 27 Dicembre 2021 | 09:01

Negli Usa, il 2022 sarà la prova del fuoco per il presidente Biden, alle prese con non pochi problemi dalla pandemia, all’inflazione passando per la geopolitica e per il calo di consenso. L’anno prossimo si terranno infatti le elezioni di mid term.

Statisticamente nell’anno elettorale di medio termine negli Usa, secondo quanto calcolato dagli analisti di Chart of The Day (si veda il grafico in pagina) l’indice Dow Jones Industrial (linea blu) ha registrato dal 1900 ai giorni nostri performance inferiori rispetto agli altri anni. In particolare, la maggior parte di questa sottoperformance si è verificata da metà aprile a fine settembre. Con l’avvicinarsi delle elezioni di mid term (inizio novembre), il mercato inizia poi però nuovamente guadagnare terreno, in media.

Dal 1900 ai giorni nostri il Dow Jones ha chiuso l’anno elettorale di mid term in positivo 17 volte su 30, con un tasso medio del 56% circa.

Qual è stato il più grande guadagno del Dow durante un anno post-elettorale come il 2021? Il più grande guadagno dell’anno elettorale dal 1900 si è verificato nel 1954, quando il Dow ha guadagnato il 44%.

Qual è stata la più grande perdita del Dow durante un anno post-elettorale? La più grande perdita del Dow durante un anno di elezioni presidenziali dal 1900 è stata del 33,8% nel 1930.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Road to ITForum, Forex: didattica al top con ActivTrades

Road to ITForum: con Vontobel i certificati non avranno più segreti

ITForum Awards 2022: ecco le categorie e le nomination

NEWSLETTER
Iscriviti
X