Asset allocation, Cina: probabile stabilizzazione nel secondo semestre

A
A
A
di Redazione 14 Luglio 2022 | 15:01

In Cina il PIL del primo trimestre del 2022 ha battuto le previsioni, raggiungendo il 4,8% su base annua rispetto al 4,4% previsto (precedente: 4,0%). L’attività è stata sostenuta dal settore secondario (6,0%), mentre il settore terziario è rimasto leggermente indietro (4,0% su base annua). In qestyo scenario, ecco di seguito al view di Carlos Casanova, Senior Economist Asia di Ubp.

Tuttavia, il 2° trimestre di quest’anno dovrebbe essere debole, a causa dei lockdown di Shanghai ad aprile e a maggio. Prevediamo che la crescita del secondo trimestre sarà pari a -1,0% a/a, guidata da una contrazione dei consumi e da un’attività manifatturiera molto debole.

Secondo il nostro scenario di base, l’attività economica si stabilizzerà e potrebbe raggiungere un trend del 5% su base annua nel secondo trimestre. Tuttavia, l’obiettivo ufficiale di crescita del 5,5% sembra fuori portata in assenza di un maggiore sostegno politico nel breve periodo, ma rimane un obiettivo politico.

Manteniamo invariate le previsioni di crescita del PIL per il 2022 al 3,7% su base annua. La crescita del PIL tornerà a stabilizzarsi nel 2023, raggiungendo il 4,5%, grazie alle ulteriori misure politiche adottate nella seconda metà del 2022, che forniranno sostegno anche nel 2023. Sono evidenti alcuni rischi al rialzo nel caso in cui la Cina proceda con stimoli più consistenti.

Un approccio mirato per sostenere i settori vulnerabili e stabilizzare la crescita riportandola a livelli “normali”

Il 23 maggio, il Consiglio di Stato cinese ha presentato un piano di misure di sostegno in 33 punti. Il piano prevede oltre 140 miliardi di Renminbi (21 miliardi di USD) di ulteriori sconti fiscali, che porteranno gli sconti fiscali a 2,64mila miliardi di yuan nel 2022 (2,3% del PIL). Il piano consentirà inoltre alle PMI di rinviare i pagamenti previdenziali e assicurativi fino alla fine del 2022.

L’obiettivo è dare priorità ai prestiti di emergenza per il settore dell’aviazione e dare una spinta allo sviluppo dell’alta velocità ferroviaria. Tutte le quote di obbligazioni speciali degli enti locali dovranno essere completamente utilizzate entro agosto. Priorità alle nuove infrastrutture come le reti 5G, l’archiviazione dei dati, ecc…

Il governo estenderà il programma di assicurazione contro la disoccupazione a un maggior numero di aziende per trattenere i dipendenti. La PBOC raddoppierà i prestiti alle PMI. Le banche posticiperanno il capitale e gli interessi per le PMI e i prestiti personali o ipotecari per le persone con difficoltà finanziarie.

Il piano è privo di misure volte a stimolare i consumi, sebbene il sostegno alle PMI rappresenti l’80% dell’occupazione in Cina. In particolare, è stato introdotto un incentivo fiscale di 60 miliardi di Renminbi (9 miliardi di USD) per le vendite di autovetture, che in aprile hanno registrato un calo del 33,3%. L’allentamento della politica monetaria è stato incrementale. Il 1° aprile, la People’s Bank of China (PBOC) ha tagliato il coefficiente di riserva obbligatoria (RRR) iniettando circa 530 miliardi di yuan (83,2 miliardi di dollari) di liquidità a lungo termine.

La Banca centrale cinese si è astenuta dal tagliare il Loan Prime Rate a 1 anno nel 2022, sfidando le aspettative. Il motivo di questo ritardo è riconducibile a due fattori: 1) la PBOC teme di aggravare i deflussi mentre si amplia la divergenza sulla politica monetaria con gli Stati Uniti; e 2) i tassi più bassi faranno poco per stimolare l’attività reale mentre restano in vigore alcune misure di lockdown.

In futuro, la PBOC probabilmente stimolerà la domanda aggregata attraverso una crescita più rapida dell’M2 e del credito. Non possiamo escludere la possibilità di un ulteriore taglio dei tassi di 10 bp nel 3° trimestre 2022 e di 50-75 bp di tagli ai RRR.

Il Presidente Biden dovrebbe ridurre alcuni dazi sulle importazioni di beni cinesi. Finora la decisione è stata condizionata da obiettivi politici contrastanti: affrontare l’inflazione e mantenere la pressione economica su Pechino. I dazi sulle importazioni cinesi non hanno generato un aumento delle esportazioni statunitensi in Cina. Il surplus commerciale della Cina e il deficit commerciale degli Stati Uniti sono aumentati dal 2019. Inoltre, non hanno accelerato le rilocalizzazioni della catena di approvvigionamento dalla Cina (ma la politica zero-Covid potrebbe farlo).

In futuro, ci aspettiamo che Biden sposti l’attenzione della politica estera sull’Asia. L’obiettivo sarà quello di contenere l’influenza della Cina nella regione. Questo sarà raggiunto attraverso una combinazione di mezzi diplomatici ed economici.

Gli Stati Uniti stanno spingendo diverse iniziative multilaterali, come l’Accordo Economico Indo-Pacifico e il Quadrilateral Security Dialogue. Inoltre, gli Stati Uniti intendono colpire specifiche società nel comparto militare cinese, impedendo loro di accedere ai mercati finanziari e alla tecnologia statunitensi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti