Piazza Affari avanti piano, Mediaset prosegue la corsa

A
A
A
di Luca Spoldi 14 Dicembre 2016 | 09:43
Avvio di giornata prudente ma il tono resta positivo a Piazza Affari, in attesa delle decisioni della Fed sui tassi. Mediaset sale ancora, bene anche Bpm, Banco Popolare e Saipem

MEDIASET CORRE ANCORA – Apertura prudente in attesa della Federal Reserve, ma tono sostanzialmente positivo anche stamane a Piazza Affari dove dopo un’ora e mezza di lavoro il Ftse Mib segna +0,06%, il Ftse Italia All-Share guadagna lo 0,11% e il Ftse Italia Star è indicato a +0,23%. Tra le blue chip tricolori continua la corsa di Mediaset (+5,25%) dopo che ieri sera Vivendi ha annunciato di essere salita al 12,32% rispetto al 3,01% segnalato lunedì sera.

VIVENDI E FININVEST IN MANOVRA – A comprare potrebbe dunque essere ancora il gruppo francese, ma anche Fininvest, che già ieri ha effettuato acquisti ed oggi ha diritto a rilevare ulteriori titoli per un incremento complessivo del 3,527% del capitale che riporta al 38,266% dell’intero capitale sociale ed al 39,775% di quello con diritto di voto (al netto delle azioni proprie, pari al 3,795%), ancora inferiore tuttavia rispetto al 41,291% del capitale con diritto di voto che risultava dalle partecipazioni rilevanti segnalate da Consob, indice del fatto che prima di dover in tutta fretta ricomprare titoli sul mercato la holding della famiglia Berlusconi non aveva sfruttato il ribasso delle quotazioni per arrotondare la propria partecipazione bensì l’aveva alleggerita.

OCCHIO ALLA FED STASERA – Tra le altre blue chip italiane rimbalzano nuovamente Bpm e Banco Popolare (che ormai da giorni alternano sedute positive e negative) e Saipem, che prolunga il rimbalzo seguito ad alcuni giudizi positivi dei broker e si porta a 48,3 centesimi per azione. In calo tra uno e due punti Buzzi Unicem, Mps e Recordati, mentre cresce l’attenzione per quanto dirà la Federal Reserve stasera al termine dell’ultimo Fomc del 2016 che dovrebbe alzare di un quarto di punto percentuale il costo del denaro negli Usa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche centrali, il rischio dell’impotenza

Tassi ufficiali Usa: per Ubs resta possibile primo calo

Fed, il cavallo di Troia di Trump

NEWSLETTER
Iscriviti
X