L’oroscopo delle Borse tra Bilancia e Scorpione

A
A
A
Alessandro Rossi di Alessandro Rossi1 settembre 2017 | 06:13

Non tutto il mondo è paese per i proverbi. In Borsa ce n’è uno usato e forse persino consumato che dice: “Sell in May and go away”. Sostanzialmente è un invito a uscire dagli investimenti in azioni nel mese di maggio perché l’estate non è statisticamente un buon periodo per le Borse. Quest’anno l’antico e pluriusato detto ha avuto efficacia, e che efficacia, per i mercati europei, soprattutto per quello tedesco che ormai è il riferimento per chi investe nel Vecchio continente, ma ha toppato e di brutto per chi investe in America. Il Dow Jones infatti non si è perso dietro ai proverbi e ha continuato a crescere di massimo in massimo fino a luglio. Il merito, o la colpa, (a seconda dei punti di vista) dicono che sia del dollaro debole che ha aiutato l’economia americana contro un euro in rialzo.
Questa seconda valutazione non è poi così calzante visto che, sempre per restare nel mercato tedesco, molte aziende germaniche come la BMW o la Mercedes hanno delocalizzato le loro produzioni (per esempio si costruiscono auto tedesche in America e in Cina) e quindi vendono in valuta locale.
Ma torniamo ai mercati. Di solito quello europeo e quello americano vanno di pari passo, secondo la logica delle mai dimenticate convergenze parallele. Ora però i due mercati sono decorrelati: America in rialzo, Europa in ribasso. Gli analisti sostengono che prima o poi le linee dovranno tornare a rimettersi accanto. Il ritorno alla correlazione, più verso il basso che verso l’alto, è previsto per ottobre-novembre, non a caso sotto il segno della Bilancia. La fine dell’anno, sempre stando agli analisti, dovrebbe invece dar vita al classico colpo di coda e guarda caso in novembre-dicembre, sotto il segno dello Scorpione, i mercati dovrebbero tornare a salire per festeggiare un 2017 molto positivo per chi ha scelto di investire in Borsa.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Tornino i veri banchieri

Gli operatori di mercato appaiono ormai troppo abituati a farsi guidare dalle scelte monetarie delle ...

È solo un Bollettino, non un dogma di fede

Il dogma dell’infallibilità papale, per chi ci crede, è tale solo quando il successore di San Pi ...

Più trasparenza nei contratti

Una sentenza molto interessante (754/2017) è stata emessa dal tribunale di Mantova, più volte agli ...