Consulenza finanziaria, quanto costa iniziare la professione

A
A
A

I corsi di preparazione e le spese d’avviamento per il neofita
 possono oscillare
tra i 700 e i 1.800 euro. Da mettere in conto altri oneri operativi
che incidono
sul portafoglio
dei professionisti.

Luca Spoldi di Luca Spoldi15 febbraio 2018 | 09:33

Sono ormai oltre 4 milioni i clienti dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede italiani, il che significa che 
circa 22.137 consulenti attivi, risultanti dai dati Assoreti a novembre 2017, devono gestire in media un portafoglio attorno ai 180200 clienti. Ma per riuscire a esercitare la professione e trovare i propri duecento clienti, ogni professionista deve essere pronto a sostenere dei costi: i primi sono quelli legati al superamento dell’esame di stato necessario per potersi iscrivere all’albo unico nazionale tenuto dall’Ocf.

ESBORSI IN EDUCATION- I manuali con cui prepararsi, insieme alla pratica e all’aiuto dei futuri colleghi, costano tra i 5060 euro l’uno, mentre sui corsi di preparazione la scelta è vasta, con costi che oscillano da 600 euro per quelli online a 1.000-1.200 euro per quelli in aula. A questi esborsi va aggiunto il contributo istruttorio per l’iscrizione all’albo di 300 euro dovuto all’Ocf, più 168 euro di tassa di concessione governativa. Ogni anno occorre poi versare, sempre all’Ocf, un contributo quota annuale di 85 euro e un contributo di vigilanza, alla Consob, di 100 euro.

A questo punto il cf avrà già sostenuto costi tra i 700 e i 1.850 euro circa ma il bello, si fa per
dire, arriva adesso perché, una volta ottenuto un mandato e avviata l’attività, occorre sostenere una serie di costi operativi. Innanzitutto entro 30 giorni dall’inizio della sua attività il consulente deve iscriversi al Registro delle imprese richiedendo l’attribuzione di un numero di partita Iva, cosa che comporta il pagamento di un diritto camerale annuo pari da quest’anno a 53 euro per le imprese individuali. Inoltre il cf deve iscriversi alla gestione commercianti Inps, mentre la mandante provvederà a iscriverlo all’Enasarco.

LE USCITE NECESSARIE PER L’UFFICIO – Ogni cf fa capo a un’agenzia,
 dove opera assieme ad altri colleghi: i costi variano in base
 a città e quartieri, alla metratura dell’immobile, alle sue finiture
 e servizi. È il responsabile d’agenzia che coordina il lavoro a intestarsi i contratti delle utenze
e quelli dell’eventuale personale subordinato, per poi addebitarli pro quota ai colleghi, emettendo fatture soggette a Iva. La mandante contribuisce tra il 60% e il 70%, in base al raggiungimento di obiettivi concordati, alle spese d’affitto e a quelle pubblicitarie a livello nazionale, mentre i cf si dividono i rimanenti costi legati alla gestione dell’ufficio, alle sponsorizzazioni e alle pubblicità locali.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, come rendere l’estate produttiva

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Il fintech bussa in casa Anasf

L’eleganza ad alta temperatura

Multilife, quando i valori non hanno età

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Invesco investe sui consulenti

I due driver della consulenza finanziaria

Sri insieme ai consulenti

Nuovo Albo, Nafop e un sogno (prima) di mezza estate

OCF, la soddisfazione delle scf in attesa del 2019

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Consulenti, i mesi giusti per cercare lavoro

L’assist del Mef a Consob in vista del nuovo Albo

Caccia grossa a 2000 consulenti

Consulenti, una nuova vita da indipendente

Parola ai consulenti, sulla Road to the future

La nuova privacy invade la consulenza

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Ascosim dalla parte del Santo Padre

La grande bellezza di Mediolanum

Consulenti, il bersaglio di Bergoglio è sbagliato

La “predica” di Papa Francesco ai consulenti finanziari

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Consulenza indipendente, in Italia “mission impossible”

Fideuram va in buca

Anasf sempre presente per Efpa

Widiba, la versione di Giacomelli

Efpa, oggi è il Deroma day. Il saluto di Ambrosi

Caro consulente, come tratti i tuoi clienti?

Ti può anche interessare

Banche fallite, risarcimenti anche per i soci (ma solo in certe condizioni)

In un’intervista a Milano Finanza, il sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta parla di ...

Cubelli (Fideuram): “Garantire offerta personalizzata”

Il manager ha parlato a margine della tavola rotonda “Win – Win: la sfida per la consulenza fina ...

UniCredit corteggia Commerzbank

Secondo l’agenzia Reuters, l’istituto italiano sarebbe intenzionato a fondersi con la banca tede ...