Petrolio sui minimi a 7 mesi, scattano vendite su Saipem, Eni e Tenaris

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi15 giugno 2017 | 13:12

GREGGIO ANCORA SOTTOTONO – Dopo la “scoppola” presa ieri (-3,7%), i future sul  petrolio Wti sono poco variati a New York, mantenendosi vicini ai minimi degli ultimo sette mesi. A provocare l’ennesimo capitombolo dei prezzi del greggio, nonostante la decisione di prorogare fino a marzo del prossimo anno i limiti alla produzione dei paesi Opec e della Russia, è stato ieri il dato relativo alla crescita a sorpresa di 2,1 milioni di barili delle scorte di benzina annunciata dall’Energy Information Administration. La maggior parte degli analisti si attendeva infatti un calo.

PRODUZIONE PIU’ CHE SUFFICIENTE PER INCREMENTO DOMANDA – In più anche le scorte petrolifere americane hanno mostrato un calo inferiore alle previsioni di consenso, contribuendo a peggiorare l’umore degli investitori. Da inizio mese i prezzi del petrolio sono già calati di un 8% per il timore che l’incremento della produzione statunitense sarà più che sufficiente a controbilanciare i tagli decisi dall’Opec e dalla Russia, vanificandone gli effetti. Un’ipotesi che anche l’International Energy Agency ha sposato ieri nella sua prima stima della domanda per il 2018, segnalando come l’incremento dell’offerta mondiale di petrolio sarà ampiamente sufficiente a bilanciare la maggiore domanda prevista.

A PIAZZA AFFARI SOFFRONO SAIPEM, ENI E TENARIS – Oltre al Wti, che al momento si mantiene attorno ai 44,7 dollari al barile, anche il Brent del mare del Nord resta debole, riportandosi appena a 47,1 dollari a Londra contro una chiusura a quota 47 dollari ieri sera. Le conseguenze non si sono fatte attendere neppure a Piazza Affari, dove stamane Saipem cede a metà giornata il 3% a 3,432 euro per azione, Eni segna -0,87% a 13,73 euro e Tenaris (che pure beneficia della riapertura di impianti di estrazione in Nord America) lascia sul campo lo 0,81% a 13,52 euro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

Notizie positive dall’Iran per Eni, che recupera in borsa

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

Piazza Affari chiude in rialzo grazie a Mps ed Eni

Eni e Mps illuminano la giornata di Piazza Affari

Opec: il mercato crede nell’accordo e il petrolio riparte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Piazza Affari chiude a +1%, grazie ai titoli finanziari e petroliferi

Petrolio sopra i 47 dollari al barile, corrono Eni, Saipem e Tenaris: durerà?

Petroliferi sotto pressione, le major tagliano gli investimenti

Borse europee in frenata, ancora male Deutsche Bank

Borse europee in prudente recupero, restano in rosso i petroliferi

Petrolio prova rimbalzo, ma i titoli del settore restano prudenti

Piazza Affari dimezza il rialzo visto in mattinata

Piazza Affari, tornano acquisti sui titoli finanziari

Borse europee interrompono il rialzo, pesano trimestrali e tensione

Da Eni a ConocoPhilips, la stagione delle dismissioni sta partendo

Petrolio: niente accordo a Doha, scattano le vendite

Borse europee in moderato recupero, grazie a petroliferi e finanziari

Borsa di Milano avanti piano, Eni e Saipem subito in luce

Borse: segnali positivi dall’Asia all’Europa

Scorte petrolifere ai massimi negli Usa, ma Eni e Saipem recuperano

Il petrolio rimbalza dai minimi a 13 anni

Europa ancora in calo, pesano Cina e petrolio

Produttori auto indietro tutta sui listini europei

Eni, Saipem e Tenaris in rosso nonostante risalita petrolio

Parigi e Francoforte accelerano al rialzo

Yoox, Unipol e Mediaset corrono, ma i petroliferi frenano gli indici di Milano

Il calo del petrolio non pesa su Eni e Saipem, per ora

Solo Eni e UnipolSai si salvano dal rosso a Milano

Indici in calo, Milano fa eccezione

I petroliferi non bastano a far salire le borse europee

Ti può anche interessare

Credit Suisse: i ricchi sono sempre più ricchi

Secondo l’ultimo rapporto di Credit Suisse Research Institute, riportato da Il Sole 24Ore, Il 45,6 ...

Calano le tensioni sul mercato, specialisti fanno il pieno di titoli di stato

BTP E CCTEU, TUTTO ESAURITO IN ASTE SPECIALISTI – Forte domanda da parte degli specialisti nel ...

Bper Banca accelera, si avvicina acquisto quote in Arca Sgr

BPER BANCA ALLUNGA IL PASSO – Bper Banca in allungo a Piazza Affari, dove il titolo si avvicin ...