Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 2 Gennaio 2020 | 10:23

I Pir (Piani individuali di risparmio) sono i protagonisti più attesi nel nuovo anno del risparmio gestito. Ne è convinto il mercato, tant’è che Intermonte per il 2020 stima afflussi pari a 3,5 miliardi di euro, dopo che nel 2019 i riscatti avevano raggiunto quota un miliardo. E gli incassi continueranno nel triennio che porta al 2022 per complessivi 12 miliardi: per l’appunto, 3,5 nel 2020, 4 miliardi nel 2021, e 4,5 nel 2022. Un rilancio che deriva dalle recenti modifiche del governo apportate ai Pir, riportati a una versione molto simile a quella originale che a partire dal 2017 aveva fatto le fortune di questo strumento d’investimento pensato per convogliare risorse finanziarie alle pmi italiane.

Interpellato dal Sole 24 Ore, Andrea Randone, a capo della ricerca sul segmento delle mid&small cap di Intermonte, ha sottolineato come gli interventi dell’esecutivo potrebbero riaccendere l’interesse sulle mid&small cap di casa nostra. “Un certo effetto di scarsità potrebbe sostenere le azioni più liquide e più conosciute come già era accaduto nel 2017”, spiega l’esperto di Intermonte, “L’aumento della liquidità che dovrebbe essere innescato dai fondi Pir potrebbe rilanciare anche l’interesse degli investitori stranieri, che erano scomparsi dal segmento e attualmente sembrano sottoponderare le mid caps italiane”.

Il primo a trarre beneficio da questa nuova ondata d’interesse potrebbe essere proprio l’Aim Italia, che attualmente conta 133 società con un giro d’affari nel 2018 pari a 6,3 miliardi di euro e una capitalizzazione di 6,7 miliardi. Per Anna Lambiase, ceo di Irtop Consulting interpellata sempre dal quotidiano salmonato, i nuovi Pir nel triennio potrebbero portare tre effetti nel mondo delle small cap: “Un incremento del numero di quotazioni del 30%, una crescita della dimensione media della raccolta in fase di Ipo dai 5,9 milioni di euro nel 2019 a circa 10 milioni e un ampliamento del flottante medio in Ipo dall’attuale 24% a un 30%”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 2/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Fondi, top e flop di una settimana virale

Quella appena passata è stata una settimana da incubo per i fondi d’investimento, che nei casi pe ...

Aviva Investors, nuova nomina per il Real Estate

Aviva Investors, la divisione globale di asset management di Aviva plc (“Aviva”), annun ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X