Italia a singhiozzo, Pil 2020 a -8,7%. L’analisi targata Mazziero Research

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 6 Novembre 2020 | 12:30

“Abbiamo proceduto a una nuova revisione al ribasso del Pil a seguito delle nuove misure di contrasto al Covid. La stima del Pil del 4° trimestre viene portata a -1,7% dal -0,6% precedente, con un conseguente impatto negativo sul Pil annuale che viene portato al -8,7% dal precedente -8,4%. Siamo di fronte a stime caute che prendono in considerazione un rallentamento di modesta entità e potrebbero ulteriormente peggiorare in caso di maggiori impatti sulle attività e/o prolungamento del parziale lockdown“. E’ quanto si legge nel nuovo report di Mazziero Research sul Pil dell’Italia.

Il grafico sotto mostra l’andamento del Pil trimestrale con base 100 a inizio 2008: gli istogrammi in grigio presentano la singola variazione trimestrale, mentre la linea rossa è una linea cumulativa delle variazioni trimestrali.

Gli ultimi istogrammi evidenziano l’ampiezza del calo degli ultimi due trimestri: -5,5% nel 1° e un ancora più profondo -13,0% nel 2° a cui segue il recupero del 16,1% nel 3° trimestre e il valore del -1,7% stimato dalla Mazziero Research per il 4° trimestre.

Il valore cumulativo raggiunto nel 3° trimestre 2020 è 91,36 oltre 8 punti al di sotto del valore 100 di inizio 2008 che si porterebbe a 89,8 nel 4° trimestre. La linea rossa evidenzia inoltre come l’Italia non sia mai stata in grado di recuperare i valori precedenti alla crisi finanziaria del 2008.

Debito pubblico in leggera crescita, in attesa dell’impatto dei “ristori”

Sale ancora leggermente il debito nel mese di settembre che viene stimato a 2.585 miliardi, la dinamica successiva appare smorzata sia verso l’alto sia nell’ampiezza del ricorrente calo del debito di fine anno che verrebbe stimato tra 2.571 e 2.591 miliardi, poco distante dai livelli attuali. Le attuali stime non tengono ancora conto degli stanziamenti per la compensazione delle perdite di fatturato legate a questa seconda fase di lockdown.

Il grafico presenta con una linea rossa i dati ufficiali pubblicati da Banca d’Italia, e prosegue in grigio con i valori stimati dalla Mazziero Research.

La tabella di affidabilità indica le differenze tra i valori ufficiali e le stime precedentemente fatte dalla Mazziero Research.

I dati ufficiali

Debito pubblico: 2.579 miliardi
Relativo ad agosto 2020
Pubblicato il 15 ottobre 2020

Stime Mazziero Research

La stima a settembre 2020
2.585 miliardi (lieve aumento)
Intervallo confidenza al 95%
compreso tra 2.579 e 2.591 miliardi
Il dato ufficiale verrà pubblicato il 16 novembre 2020

La stima a dicembre 2020
Compreso tra 2.571 e 2.591 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Il dato ufficiale verrà pubblicato a metà febbraio 2021

Analisi, stime e un’ampia rassegna dei dati economici italiani sono disponibili nel 39° Osservatorio trimestrale dei dati economici italiani pubblicato il 23 settembre.

Ratio

Considerando le stime relative al debito e alla variazione del Pil a fine anno, Mazziero Research ha rivisto le stime del rapporto debito/Pil portandolo da 161,4% a 162,5%. Il rapporto deficit/Pil viene rivisto al 11,3% dal precedente 10,8%.

Spesa lorda a settembre 2020: 50,9 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa lorda a fine 2020: 63,6 miliardi.

Spesa netta al 2° trimestre 2020: 28,7 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa netta a fine 2020: 54,8 miliardi.

Nota esplicativa: per spesa per interessi lorda si intende l’esborso per interessi come risultante dal conto di cassa della Ragioneria Generale; per spesa per interessi netta si intende il conguaglio tra interessi attivi e passivi e riportato nelle statistiche ufficiali dell’Istat.

Le scadenze dei titoli di Stato fino a giugno 2021

Il Dipartimento del Tesoro sta svolgendo un ottimo lavoro, sfruttando a pieno le favorevoli condizioni di emissione e spostando gradualmente su scadenze più lontane fette importanti dello stock (figura sotto). In questo senso vanno viste positivamente le operazioni di concambio, come quella recente che ha sostituito scadenze 2021 a cedola 3,75% con scadenze 2032 a cedola 1,65% diminuendo nel contempo anche il costo degli interessi. Sicuramente ottime manovre che andrebbero fatte più spesso visto che la duration anziché aumentare è comunque diminuita dai 6,96 anni di marzo ai 6,73 di agosto.

Spesa per interessi

Spesa lorda ad agosto 2020: 50,9 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa lorda a fine 2020: 63,6 miliardi.

Spesa netta 2° trimestre 2020: 28,7 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa netta a fine 2020: 54,8 miliardi.

Nota esplicativa: per spesa per interessi lorda si intende l’esborso per interessi come risultante dal conto di cassa della Ragioneria Generale; per spesa per interessi netta si intende il conguaglio tra interessi attivi e passivi e riportato nelle statistiche ufficiali dell’Istat.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pil, l’Italia crescerà del 4,7% nel 2021. Le stime Mazziero Research

Pil 2021 a +4,7%. Debito, ultimo calo poi la risalita. Le previsioni Mazziero Research

BlueBay: outlook positivo per il debito italiano ma serve stabilità politica

NEWSLETTER
Iscriviti
X