Petrolio in rally ma gli analisti restano cauti

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Marzo 2016 | 15:30

I prezzi del petrolio, hanno esteso il rally che ha portato le quotazioni a salire di un terzo dai minimi livelli raggiunti da inizio 2016, in quanto la notizia di cali produttivi e la partecipazione di vari produttori globali al progetto teso a congelare i regimi operativi crea sostegno alle quotazioni della commodity.

In particolare, il future sul Brent è tornato al di sopra della soglia dei 40 dollari per barile e il Wti è salito oltre quota 37. Sul fronte produttivo l’US Energy Department ha reso noto che, la scorsa settimana, la produzione Usa di greggio ha messo a segno la sua undicesima settimana consecutiva di cali e minimo livello produttivo dal dicembre del 2009.

Nonostante i recenti rialzi, gli analisti mantengono però un clima di cautela dato il persistere dalla sostenuta condizione di eccedenza di mercato, ipotizzando che nel breve le quotazioni potrebbero mettere a segno una nuova discesa. Attualmente in base alle stime degli analisti, infatti, ogni giorno circa 1-2 milioni di greggio verrebbero prodotti in eccesso rispetto la domanda.

L’Iran ha poi annunciato che le vendite mensili di greggio del paese potrebbero presto raggiungere i 2 mbpd, grazie alla sospensione, lo scorso gennaio, delle sanzioni sul nucleare, precedentemente imposte dai paesi occidentali.

Intanto, il ministro russo Novek ha reso noto che l’incontro tra i maggiori paesi OPEC e non OPEC teso al congelamento delle quote produttive si terrà tra il 20 marzo ed il primo di aprile. L’incontro potrebbe tenersi in Russia, a Vienna o a Doha.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, petrolio: ecco le ragioni della salita e tutti gli Etc a Piazza Affari

Mercati: petrolio in fiamme

Mercati: il petrolio Brent sui livelli del 2018. I prossimi target e gli Etc

NEWSLETTER
Iscriviti
X