Svizzera, Credit Suisse rivede al ribasso le stime di crescita per il 2016

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Dicembre 2015 | 17:00

Credit Suisse ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita dell’economia svizzera per il 2016, fissandole a +1% contro il +1,2% della stima precedente. Gli economisti dell’istituto elevetico, in particolare, ritengono che, vista la forte immigrazione, l’evoluzione pro capite sarà negativa.

A loro avviso, secondo quanto riportato dal sito della Rsi, anche l’anno prossimo la forza del franco graverà sulle esportazioni e la crescita dell’economia interna continuerà a perdere slancio. Nella pubblicazione “Monitor Svizzera” diffusa nei giorni scorsi, gli esperti di Credit Suisse sostengono inoltre che l’introduzione degli interessi negativi da parte della Banca Nazionale Svizzera (BNS) produce solo parzialmente l’effetto auspicato. Fondamentalmente i capitali continuano ad essere investiti in Svizzera e non all’estero.

Secondo l’istituto bancario, con una previsione dell’1% nel 2016 la crescita dovrebbe attestarsi “di nuovo sensibilmente al di sotto del potenziale a lungo termine”, mentre per la crescita pro-capite il tasso previsto è addirittura negativo, dato l’aumento degli abitanti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il wealth manager si racconta

Banche: Credit Suisse cambia il sistema di remunerazioni

Credit Suisse, cadute e riorganizzazioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X