Asset allocation: Treasury Usa sotto pressione dopo la Fed

A
A
A
di Redazione 16 Dicembre 2021 | 10:45

Come previsto, la Fed ha raddoppiato il ritmo del tapering, con la data finale ora fissata a marzo. “Questo dà alla Fed flessibilità per il prossimo passo nella rimozione dell’accomodamento, che è il liftoff con il rialzo dei tassi – fa notare Jason England, Global Bond Portfolio Manager di Janus Henderson – i Dot Plots appena rilasciati per dicembre hanno mostrato un aumento dei tassi per il 2022 (0,9%) e il 2023 (1,6%) con un tasso terminale a lungo termine ancora al 2,5%”.

Ciò riflette il fatto che gli aumenti dei tassi sono stati anticipati, anche se non è stato annunciato un aumento della quantità dei rialzi, uno scenario che dovrebbe mettere sotto pressione la parte anteriore della curva dei Treasury statunitensi, portando a un maggiore appiattimento della curva, con la traiettoria dei tassi front-end più alta” sottolinea poi England.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: come muoversi in scia alla Fed secondo Integrae Sim

Mercati: la Fed resta di fronte a un bivio

Asset allocation: tra Fed, inflazione e crescita a rischio ecco cosa fare

NEWSLETTER
Iscriviti
X