Guadagni con le pagine Facebook? Occhio al Fisco

A
A
A
di Redazione 11 Settembre 2017 | 08:56

Il Fisco prende di mira i siti internet e le fanpage di Facebook. Le dichiarazioni fatte su internet dal contribuente sono infatti delle “confessioni” e consentono di avviare l’accertamento fiscale. Così, spiega il sito La Legge Per Tutti, l’incauto commerciante, l’organizzatore di gite o l’intrattenitore per bambini durante le feste, il piccolo bar, il dee-jay o anche lo studio professionale che millanta professionalità ed esperienza pluriennale nel settore, facendo capire al pubblico che il proprio parco clienti è ampio, non sta facendo altro che tirarsi “la zappa sui piedi”: le sue confessioni possono essere utilizzate dal fisco per inviare un accertamento e saranno difficilmente confutabili in una successiva causa.

Insomma, tutti gli introiti incassati tramite il servizio GoogleAdsense – che paga in base al numero di clic sui banner o alle visualizzazioni – devono essere denunciati all’Agenzia delle Entrate e quindi vanno tassati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’Agenzia delle Entrate riconosce il beneficio fiscale delle Pmi innovative quotate su Aim

Isa, tre imprese italiane su 10 devastate dalla pandemia e ammazzate dallo Stato

Aim Italia, IR Top Consulting: importante mantenere gli incentivi fiscali per le Pmi innovative

NEWSLETTER
Iscriviti
X