Ma il ministro Padoan ci è o ci fa?

A
A
A
di Maria Paulucci 19 Gennaio 2017 | 10:39

Il ministro dell’economia Piercarlo Padoan, dopo aver sbagliato quasi ogni anno le previsioni sulla crescita, aver consentito una salita smisurata del debito pubblico, non aver mai saputo dire di no alle richieste smodate di Matteo Renzi tanto che adesso l’Italia dovrà fare una manovra correttiva di 3,2 miliardi chiesta dall’Europa, non aver saputo gestire le vicende bancarie italiane, fra cui quella del Montepaschi ancora, di fatto, in sospeso, si è presentato candidamente al forum internazionale di Davos con alcune dichiarazioni a dir poco sconcertanti. La più bella, si fa per dire, è stata: “Il problema dell’Europa è l’Europa”.  E quindi? Non ci vuoi più stare? Non va più bene niente di quello che l’Italia ha sottoscritto e sottoscrive ormai da più di 50 anni? Se c’erano dei problemi (e ce ne sono) non era meglio accorgersene prima? Invece di andare a parlare a un convegno, seppur importante come quello di Davos, non era il caso di palesare i dubbi in una delle tante sedi istituzionali Ue, oppure andare a dirlo direttamente a frau Merkel visto che tanto è solo lei che conta?

Ma Padoan ci è o ci fa?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, Europa: la view di Lemanik

Investimenti: l’incertezza non scalfisce le prospettive dell’Europa

Mercati: analogie e differenze con gli anni ’70

NEWSLETTER
Iscriviti
X