Svizzera, export ancora in calo

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 21 Giugno 2019 | 13:30

Le esportazioni svizzere relative al mese di maggio, pari a a 18,89 miliardi di franchi, hanno accusato in termini reali un calo dell’1,2% facendo il confronto con il mese precedente. Tenendo conto dell’inflazione, ovvero nominalmente, la regressione è stata dello 0,5%.

Come rileva l’Amministrazione federale delle dogane e secvondo quanto riportato dal sito web della Rsi, si tratta della terza flessione consecutiva ed è la più marcata. La tendenza negativa è dovuta principalmente alla diminuzione delle vendite in Europa, che l’aumento in Asia non ha saputo compensare.

I settori

Per i settori macchine ed elettronica (+2,7%), strumenti di precisione (+4%) e, soprattutto, orologeria (+8,9%) quello trascorso è stato comunque un mese positivo. Il comparto chimico-farmaceutico, il principale per l’export, ha invece sofferto (-2,4%).

L’import

Per quanto riguarda le importazioni, s’è registrato un incremento reale dello 0,7% (nominale: +0,9%), per un totale di 17,24 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Svizzera, occupazione in calo dell’1,6% nel secondo trimestre

Brusco calo del commercio mondiale

Svizzera, Pil in calo dello 0,2%

NEWSLETTER
Iscriviti
X