Oro: diminuisce la domanda mondiale

A
A
A
Avatar di Gianluigi Raimondi 30 Gennaio 2020 | 10:00

La domanda mondiale di oro è diminuita a 4355,7 tonnellate nel 2019, in calo dell’1% rispetto al 2018, secondo l’ultimo rapporto World Gold Council. L’anno scorso è stato sostanzialmente caratterizzato da due fasi: resilienza e crescita nei primi sei mesi contrastato e diffusa debolezza nel secondo.

In particolare, la domanda delle banche centrali è rallentata nel secondo semestre – in calo del 38% – in contrasto con l’incremento del 65% nei primi sei mesi. Gli acquisti del metallo su base annua hanno comunque raggiunto quota 650.3 tonnellate, il secondo livello più alto degli ultimi 50 anni e solo 6 tonnellate in meno rispetto al record del 2018.

Gli afflussi dai fondi (Etf, Etc ed Etp) sono aumentati durante i primi nove mesi dell’anno, raggiungendo le 255,5 tonnellate nel terzo trimestre. Una dinamica però attenuata nel quarto trimestre, con un afflussi rallentati a 26,4 tonnellate.

L’offerta anua globale di oro, nel complesso, è aumentata del 2% a 4.776 tonnellate. Questa crescita è venuta esclusivamente dal riciclaggio e copertura: la produzione mineraria è incatti calata dell’1% a 3.436,7 tonnellate.

Guardando in particolare al quarto trimestre, la domanda di oro è scesa del 19% a 1.045,2 tonnellate rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente che ha visto una domanda molto forte. Due le cause principali: il calo della domanda di gioielli e gli investimenti in lingotti d’oro per l’elevato prezzo dell’oro.

Alistair Hewitt, Head of Market Intelligence del World Gold Council, ha commentato: “La domanda di Etf legati all’oro è aumentata nel 2019 in quanto gli investitori hanno cercato di diversificare i loro portafogli e coprirli contro l’incertezza in altri mercati. Questi afflussi, insieme a un forte aumento di posizionamento dei futures, ha visto il prezzo dell’oro in dollari statunitensi raggiungere un massimo degli ultimi sei anni. Tuttavia, la domanda di gioielli e lingotti si è ridotta, in parte a causa del rapido aumento dei prezzi nella seconda metà dell’anno. Guardando al futuro, prevediamo che la caratteristica di bene rifugio dell’oro rimanga essenziale per gli investitori”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Palladio a passo dal top storico. Gli Etc a Piazza Affari

Oro, a tener banco resta soprattutto la domanda finanziara

Nickel, la “criptonite” delle auto elettriche

NEWSLETTER
Iscriviti
X