Nasdaq ancora sugli scudi e dollaro in calo in scia ai nuovi casi di Covid negli Usa

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 23 Giugno 2020 | 10:00

“Con il recente aumento dei casi di Covid negli Stati Uniti del Sud è sensato che in caso di ritorno alla fase 1 il mercato riprenda in mano i vecchi temi, ovvero e.commerce, home entertainment, videoconferencing e tech, settori che ben rappresentano il Nasdaq“. Ad affermarlo è Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners Sgr, che però avverte: “Il problema del Nasdaq è più di medio periodo. La performance relativa vs l’indice generale è stata tale che il ratio Nasdaq 100/S&P 500 è oltre i livelli della bolla tecnologica e l’RSI 14 monthly (Relative strenght index) del ratio è su livelli osservati solamente due o tre mesi, 20 anni fa”.

Non solo. “L’incremento dei casi di Coronavirus negli States si sta riflettendo negativamente sul dollaro, nonostante la moderata risk aversion” mette poi in evidenza Sersale.

Il trend dell’Eur/Usd nel medio termine

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X