Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

A
A
A

Gli schemi commissionali adottati nel Regno Unito dopo i cambiamenti normativi degli ultimi anni

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 aprile 2018 | 09:35

A differenza di Italia e Usa, in Gran Bretagna, dove da 3 anni la consulenza finanziaria ha subito un mutamento profondo in termini di maggiore trasparenza sui costi, per remunerare il valore del lavoro svolto da un financial adviser esistono da tempo una molteplicità di schemi tariffari. Che vanno oltre alla classica percentuale sul patrimonio, solitamente oscillante tra l’1% e il 3% come commissione iniziale più
una commissione annua tra lo 0,25% e l’1% (St James’s Place, che da quattro anni guida la classifica di Ftadviser delle 100 reti di financial adviser britanniche più importanti con circa 3mila adviser, retrocede loro lo 0,5% di commissione di gestione annua). I nuovi schemi tariffari invece si basano su tariffe su base oraria o mensile, o in base a un ammontare fisso che dipende dalla quantità e tipologia di servizi offerti e così via. Ma quali sono i fattori che maggiormente incidono sul costo di un financial adviser e dunque sul valore del suo portafoglio? Anzitutto dalla località in cui operano, perché avere un ufficio nella City di Londra è estremamente più costoso che averne uno in una cittadina di provincia; poi dal modo
in cui il servizio viene erogato (forme di consulenza telefonica o online sono più economiche di quelle offerte da singoli professionisti). Anche la qualifica professionale e l’esperienza del financial adiviser ha un suo peso nel determinare il costo dei servizi, così come la complessità del lavoro da svolgere e il tempo necessario per realizzare il servizio richiesto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il consulente “proletario” trionferà

Caro consulente, per 3 italiani su 4 non sei “molto importante”

Violazioni multiple, radiato consulente

Consulenti, meno margini e più costi valgono bene un tesseramento

Prima sospeso poi radiato, ex consulente saluta la professione

Consulenti, la mappa dei pionieri dell’Albo

Consulenti, che peso le fee di performance

Consulenti, il contratto ibrido è stato un flop

Consulenza indipendente, tanto tuonò che non piovve

ConsulenTia19: i dettagli sul convegno inaugurale

Il consulente cambia pelle

Azimut, il 2018 si chiude col sorriso

Reclutamenti, Fideuram Ispb vince il round

Consulenti, Copernico Sim punta al progetto giovani

2019 on the road con Pictet

Servizi di consulenza, una lamentela ben nota

Ocf, qualche dritta per registrarsi al nuovo portale

Due articoli violati e arriva la radiazione per un ex Fideuram

Il Cenone a misura di consulente

I superconsulenti di Widiba

Anasf, una pausa a gennaio

Albo, le ragioni delle scelte di Ocf

Consulenza in borsa: Fineco ok, Azimut ko

Consulenti: 3 date chiave per il vostro 2019

Nuovo Albo, la vigilanza ai raggi X

Consulenti, ecco i dettagli delle prove valutative 2019

Azimut, shopping nella boutique P&G

CheBanca!, sprint nei reclutamenti

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Consulenti: a Natale tanti auguri e un nuovo lavoro

Anasf: porte aperte per i “Protagonisti della crescita”

Consulenti: i tre insegnamenti che ci ha lasciato il 2018

Consulenti, i fee only fanno 100 (e oltre)

Ti può anche interessare

Noia (Pictet Am): “Puntare sulla sostenibilità conviene agli investitori”

Il country manager Italia di Pictet Asset Management sottolinea come il capitalismo responsabile pr ...

CF Webinars, il Fintech al centro della puntata di luglio

L’appuntamento è per lunedì 16, dalle 15 alle 16.  ...

Fidelity fa il pieno di sostenibilità

Il rapporto di valutazione annuale dei Principi di Investimento Responsabile (PRI) per l’integrazi ...