Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

A
A
A

Gli schemi commissionali adottati nel Regno Unito dopo i cambiamenti normativi degli ultimi anni

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 aprile 2018 | 09:35

A differenza di Italia e Usa, in Gran Bretagna, dove da 3 anni la consulenza finanziaria ha subito un mutamento profondo in termini di maggiore trasparenza sui costi, per remunerare il valore del lavoro svolto da un financial adviser esistono da tempo una molteplicità di schemi tariffari. Che vanno oltre alla classica percentuale sul patrimonio, solitamente oscillante tra l’1% e il 3% come commissione iniziale più
una commissione annua tra lo 0,25% e l’1% (St James’s Place, che da quattro anni guida la classifica di Ftadviser delle 100 reti di financial adviser britanniche più importanti con circa 3mila adviser, retrocede loro lo 0,5% di commissione di gestione annua). I nuovi schemi tariffari invece si basano su tariffe su base oraria o mensile, o in base a un ammontare fisso che dipende dalla quantità e tipologia di servizi offerti e così via. Ma quali sono i fattori che maggiormente incidono sul costo di un financial adviser e dunque sul valore del suo portafoglio? Anzitutto dalla località in cui operano, perché avere un ufficio nella City di Londra è estremamente più costoso che averne uno in una cittadina di provincia; poi dal modo
in cui il servizio viene erogato (forme di consulenza telefonica o online sono più economiche di quelle offerte da singoli professionisti). Anche la qualifica professionale e l’esperienza del financial adiviser ha un suo peso nel determinare il costo dei servizi, così come la complessità del lavoro da svolgere e il tempo necessario per realizzare il servizio richiesto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

Consulenti: mi faccio una birra e cambio mandante

IWBank, reclutamento e ‘na tazzulella ‘e cafè

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Bnl-Bnp Paribas LB, a lezione dai consulenti d’eccellenza

Consulente: tre grafici che ti faranno preoccupare

Consulenti, i “magnifici” 9 di IWBank che incassano i bonus

Consulenti furbetti? Anasf vince e la pubblicità si cambia

Consulenti e fattura elettronica, la guida definitiva

Consulenti, ecco come pagare il contributo Ocf

Reti Champions League, si infiamma la polemica sui favoriti

Consulenti, formazione certificata a ITForum Rimini 2019

Consulenti: corso di preparazione per l’esame da European Financial Advisor

Mediolanum: convention a maggio e spinta sul private

Cari consulenti, svegliate quei risparmi

Al via la formazione Ascofind per i consulenti indipendenti

Reti, più clienti e un po’ di consulenti in meno

Widiba, il nuovo volto del reclutamento

Consulenti: tra radiati e sospesi, a marzo triplica il lavoro della vigilanza

Consulenti preparatevi…sta per iniziare la Reti Champions League

Consulenti: ecco il programma delle reti al Salone

Bnl Bnp Paribas LB: reclutamento giovane e social

Ecco lo spot che ha fatto infuriare i consulenti

Consulenti, pubblicità ma corretta

Anasf: tutti i dettagli della convenzione con Coni

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Consulenti: contributo quota Ocf, occhio alle scadenze

Consulenti state tranquilli, quest’anno andrà meglio…

Consulenti: la morte del Cholismo

Consulente radiato, la Corte condanna Consob e annulla la delibera

Fugen con ForFinance per i consulenti

Anasf, tra carriera e formazione

Consulenti ibridi, Intesa Sanpaolo continua ad assumere

Ti può anche interessare

Mercati, i “buy” del 4 settembre 2018

I Buy di oggi, da Digital Bros a Piaggio ...

Consob fa il pieno di educazione finanziaria

I prossimi appuntamenti del mese di ottobre ...

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

L'Esma è intervenuta per sbrogliare la matassa ...