Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

A
A
A

Gli schemi commissionali adottati nel Regno Unito dopo i cambiamenti normativi degli ultimi anni

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 aprile 2018 | 09:35

A differenza di Italia e Usa, in Gran Bretagna, dove da 3 anni la consulenza finanziaria ha subito un mutamento profondo in termini di maggiore trasparenza sui costi, per remunerare il valore del lavoro svolto da un financial adviser esistono da tempo una molteplicità di schemi tariffari. Che vanno oltre alla classica percentuale sul patrimonio, solitamente oscillante tra l’1% e il 3% come commissione iniziale più
una commissione annua tra lo 0,25% e l’1% (St James’s Place, che da quattro anni guida la classifica di Ftadviser delle 100 reti di financial adviser britanniche più importanti con circa 3mila adviser, retrocede loro lo 0,5% di commissione di gestione annua). I nuovi schemi tariffari invece si basano su tariffe su base oraria o mensile, o in base a un ammontare fisso che dipende dalla quantità e tipologia di servizi offerti e così via. Ma quali sono i fattori che maggiormente incidono sul costo di un financial adviser e dunque sul valore del suo portafoglio? Anzitutto dalla località in cui operano, perché avere un ufficio nella City di Londra è estremamente più costoso che averne uno in una cittadina di provincia; poi dal modo
in cui il servizio viene erogato (forme di consulenza telefonica o online sono più economiche di quelle offerte da singoli professionisti). Anche la qualifica professionale e l’esperienza del financial adiviser ha un suo peso nel determinare il costo dei servizi, così come la complessità del lavoro da svolgere e il tempo necessario per realizzare il servizio richiesto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, dividersi i clienti è il vostro futuro

Consulenti: perché sono fondamentali nella tempesta

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Fineco, reclutamento doc

Consulenti, tris di radiati a settembre e altre sanzioni

Consulenti, come non essere prigionieri del passato

Bnl Bnp Paraibas LB, 17 volti nuovi per Rebecchi

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Efpa Italia Meeting nella culla del Rinascimento

Lutto in casa Fideuram

Consulenti: BlueAcademy e Teseo, ecco il corso per diventare European Financial Advisor

Consulenti, Enasarco goes social

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Consulenti, incontro romano sulla previdenza con Südtirol Bank

Albo consulenti, assicuratori sotto esame

Fideuram Ispb, svolta con Apple nei pagamenti

Credem a passo di blockchain

Widiba, che cinquina nel reclutamento

IWBank PI, la rete acquista peso

CF Webinar, tornano i certificati dopo la pausa estiva

Assoreti, a luglio raccolta e gestito sorridono ancora

Consulenza, Di Ciommo a tutto campo

Efpa Italia, ecco l’esame integrativo EIP – EFA

Consulenti, ecco la banca del 2029

Poste Italiane a caccia di giovani consulenti

Enasarco e il populismo della protesta

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Consulenti, occhio alle scadenze per Irpef e Irap

Consulenti, fatturare e guadagnare anche dopo la pensione

Credem, le persone prima di tutto

Widiba, una storia aperta

Consulenti e vigilanza, un agosto da bravi ragazzi

Cari consulenti, gli investitori stanno diventando più esigenti

Ti può anche interessare

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

L'Esma è intervenuta per sbrogliare la matassa ...

Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

L'impatto non è ancora prevedibile, ma se si guarda al 2018... ...

BTp Italia, in vista il nuovo collocamento

Il titolo indicizzato all'inflazione concepito oltre sei anni fa per il pubblico retail verrà collo ...