Consulenti, le nuove tariffe in Gran Bretagna

A
A
A

Gli schemi commissionali adottati nel Regno Unito dopo i cambiamenti normativi degli ultimi anni

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 aprile 2018 | 09:35

A differenza di Italia e Usa, in Gran Bretagna, dove da 3 anni la consulenza finanziaria ha subito un mutamento profondo in termini di maggiore trasparenza sui costi, per remunerare il valore del lavoro svolto da un financial adviser esistono da tempo una molteplicità di schemi tariffari. Che vanno oltre alla classica percentuale sul patrimonio, solitamente oscillante tra l’1% e il 3% come commissione iniziale più
una commissione annua tra lo 0,25% e l’1% (St James’s Place, che da quattro anni guida la classifica di Ftadviser delle 100 reti di financial adviser britanniche più importanti con circa 3mila adviser, retrocede loro lo 0,5% di commissione di gestione annua). I nuovi schemi tariffari invece si basano su tariffe su base oraria o mensile, o in base a un ammontare fisso che dipende dalla quantità e tipologia di servizi offerti e così via. Ma quali sono i fattori che maggiormente incidono sul costo di un financial adviser e dunque sul valore del suo portafoglio? Anzitutto dalla località in cui operano, perché avere un ufficio nella City di Londra è estremamente più costoso che averne uno in una cittadina di provincia; poi dal modo
in cui il servizio viene erogato (forme di consulenza telefonica o online sono più economiche di quelle offerte da singoli professionisti). Anche la qualifica professionale e l’esperienza del financial adiviser ha un suo peso nel determinare il costo dei servizi, così come la complessità del lavoro da svolgere e il tempo necessario per realizzare il servizio richiesto.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

H2O e Allegro, un fondo dai due volti

Consulenti: tale cliente padre, tale cliente figlio

Consulenti: AcomeA vi spiega la Trade War

Sgr, reti e consulenti sotto la lente della Consob

I consulenti non sanno vendere le small cap

Polizze vita, tra i consulenti vanno a ruba

Consulenti, cresce la minaccia dei robo advisor

Oggi su BLUERATING NEWS: Mifid 2 sotto la lente

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Anasf, prosegue Pianifica la Mente

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenti, Efpa meeting in rampa di lancio

Consulenti, maggio fa il pieno di fee only

Consulenti, CheBanca! ospita Anasf a Napoli

Consulenti, ecco come banche e reti fanno pressioni commerciali

Azimut, faro su Londra

I sindacati contro Poste Italiane: troppe pressioni commerciali ai consulenti

Consulente, se nasci quadrato puoi morire tondo

Consulenti rassegnatevi: conta solo il portafoglio

Consulenti, i segreti di un giovane talento Widiba

Credem: banca e rete, sinergie vincenti

Consulenti, Widiba finalmente in utile

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Fed, sui tassi porta in faccia a Trump

Consulenti: diversificare con le polizze, vi insegno come

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Widiba alla bolognese

Reti Champions League, collegamenti impossibili

La consulenza a doppio malto

Consulenti, persona giuridica? Anche no

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Consulenti: come e perchè far fare un check-up patrimoniale

Mediolanum, Doris come Capitan America

Ti può anche interessare

Borse, il mercoledì nero costa 33 miliardi di dollari ai Paperoni tech

Giornata drammatica per il settore ...

Gestori in vetrina – Axa IM

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Fabiano Ga ...

Aim, le matricole scalpitano

Il mondo delle pmi italiane è in fermento nell’attesa di nuove quotazioni targate Aim.  Sono ...