Alluminio sulla rampa di lancio in scia all’aumento delle vendite di auto e del taglio dell’output

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Dicembre 2015 | 16:30

Mentre il governo cinese non esclude la possibilità per ulteriori interventi espansivi, Pechino ha pubblicato un dato che lascia un segno positivo soprattutto per i consumi di metalli industriali: l’aumento nelle vendite di automobili in Cina che, nel mese di novembre, ha registrato un’espansione su base annua pari al 20% per un totale di 2,5 mln di veicoli venduti. L’aumento è il più importante da ottobre 2013 e anche per i mesi precedenti i dati sulle vendite nel settore automobilistico hanno registrato un aumento pari all’11,8% in ottobre e ad un più modesto 2,1% a settembre, mentre per i primi undici mesi dell’anno le vendite sono aumentate del 3,3% rispetto allo stesso periodo del 2014.

La spiegazione di tale aumento sta nel intervento del governo che ha tagliato le imposte sulle auto con motori pari o inferiori a 1,6 litri, creando un recupero, per il più grande mercato automobilistico al mondo, grazie a tale stimolo ai consumi.

Inoltre, le più grandi fonderie cinesi si incontreranno giovedì per decidere su una possibile riduzione nell’output produttivo a causa dei bassi prezzi registrati daiprezzi dell’alluminio. Nel frattempo, China Hongqia ha già annunciato di voler ridurre di 250.000 tonnellate la capacità iniziando da oggi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, sui metalli industriali il driver è la svolta green

Mercati, la svolta green fa volare i metalli industriali

Mercati, commodity: alluminio sugli scudi. Gli Etc per sfruttarne il trend

NEWSLETTER
Iscriviti
X