Reti, dopo le trimestrali è il momento dei confronti

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Maggio 2020 | 12:04

E così il tanto atteso appuntamento con le trimestrali post Covid-19 delle reti quotate è arrivato (qui Fineco, qui Mediolanum, qui Banca Generali, qui Azimut). Tirando le prime somme si può dire che queste realtà hanno saputo reggere all’impatto devastante che questa emergenza ha avuto sui mercati finanziari. Tuttavia sussistono delle differenze nella valutazione dell’effetto sui conti caso per caso. Per agevolarci in questo compito ci viene soccorso l’ultimo report di analisi a cura di Gian Luca Ferrari di Mediobanca. Vediamo di seguito le sue valutazioni.

Azimut

Utili operativi superiori del 3% rispetto alle previsioni grazie alle commissioni di performance e a un solido risultato nell’area Life insurance. Azimut ha registrato ricavi in ​​aumento del 2% grazie a ulteriori 2 milioni di commissioni di performance e un solido prestazione dell’assicurazione sulla vita. Le commissioni di gestione sono state leggermente inferiori alle previsioni (193 milioni contro 196 milioni previsti da Mediobanca). Abbiamo apportato una piccola correzione ai nostri numeri, abbassando l’EPS 2020E del 3%, mantenendo invariato quello relativo al 2021-22E.

Banca Generali

I profitti operativi sono stati superiori del 3% rispetto alle stime di Mediobanca e del 13% al di sopra del consensus, soprattutto grazie a un solido contributo di commissioni (248,9 milioni di euro contro i nostri previsti 237 milioni di euro). Più che dalle commissioni di gestione, la sovraperformance è derivata principalmente dalle commissioni bancarie, a seguito della consulenza evoluta e della intermediazione. Con specifico riferimento a questo secondo servizio, la direzione di Banca Generali è stata cauta nell’anticipare un cambiamento strutturale nel comportamento dei clienti. Tuttavia, Banca Generali ha lanciato il suo servizio di intermediazione B2B2 per consentire ai consulenti di eseguire ordini per conto dei loro clienti e inizierà a offrire questo servizio a clienti esterni entro giugno di quest’anno. Come tale, anche ipotizzando una minore volatilità e una minore attività dei clienti, questa linea di entrate è destinata a progredire positivamente nei prossimi trimestri. La revisione delle nostre stime ha portato a un aumento del 3% nell’EPS relativo al periodo 2020-21E.

Banca Mediolanum

I profitti operativi sono stati migliori del 3% grazie a ricavi leggermente più elevati. Commissioni lorde migliori del 2% e commissioni di gestione superiori dell’1%. I costi erano in linea. Sul fronte del risultato operativo, l’impatto dei mercati finanziari è stato superiore alle attese (- € 23 milioni contro i nostri – € 20 milioni) e ciò ha portato a un utile ante imposte delle attività domestiche in linea con le aspettative. Un minore livello di tassi di interesse (16,6% contro il nostro 19,5%), parzialmente compensato da attività estere più deboli (1,3 milioni di euro di utile netto contro i nostri 2 milioni di euro) spiega lo scarto di 2 milioni sopra le previsioni. La società rimane fiduciosa raggiungere flussi totali di raccolta pari a 5 miliardi di euro di cui 3,5 in attività gestite. Una previsione sfidante ma realistica, a nostro avviso, ragion per cui abbiamo aumentato i flussi totali quest’anno da 3,6 a 5,1 miliardi di euro. Abbiamo perfezionato le nostre previsioni sull’aumento di 2020-21E EPS del 5%, la più grande revisione dopo il 1 ° trimestre.

Fineco

Fineco ha saputo battere il consensus su più fronti (7% sia a livello di utile netto che operativo), con un bilancio principalmente guidato da commissioni più elevate e profitti originati dall’attività di intermediazione. I costi erano in linea con l’utile netto dopo le imposte che si è attestato a 92,2 milioni, superiore del 9% alla nostra stima e del 7% al di sopra del consensus. Abbiamo ottimizzato le stime aumentando notevolmente il contributo dell’intermediazione quest’anno, per poi normalizzarlo dal 2021E in poi. Nel complesso, abbiamo aumentato l’EPS 2020E del 5%, mentre abbiamo abbassato quello relativo al 2021E del 3%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Martini (Azimut): “Essere Private Banker 3.0”

Azimut, ecco la scatola dei Pir

Azimut, un master per i nuovi wealth manager

Martini (Azimut): “Trasformate i vostri clienti in fan”

Azimut, la raccolta cresce con la spinta americana

Azimut ed Epic, doppio assist per l’Udinese

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

NEWSLETTER
Iscriviti
X