Italia, migliora l’occupazione, ma la crescita stenta ancora a decollare

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Settembre 2015 | 12:00

a cura di Maurizio Mazziero, MazzieroResearch

L’occupazione sale al 56,3%, ma la disoccupazione si mantiene al 12%, anzi al 13,5% se si considera anche la quota di Cassa Integrazione; la disoccupazione giovanile si porta al 40,5%, un valore che non si vedeva dal 2013, ma nel mese successivo al record storico del 44,2%.

Siamo di fronte a dati contrastanti che non tranquillizzano, dato che una “rondine non fa primavera”.
Anche la crescita, rivista al rialzo rispetto ai dati preliminari, presenta uno 0,4% nel primo trimestre e uno 0,3% nel secondo; non mancano tuttavia le cautele, visto che in termini di aggregati del Pil il maggiore contributo deriva da un accumulo delle scorte.

Il confronto con i partner europei è scoraggiante: la Spagna cresce nel secondo trimestre dell’1%, dopo uno 0,9% del trimestre precedente; la Grecia (strano ma vero!) cresce lo 0,9%, dopo uno 0,1%; il Regno Unito lo 0,7%, dopo uno 0,4% la Germania lo 0,4%, dopo uno 0,3%; solo la Francia ha mostrato una crescita piatta, dopo aver segnato però uno 0,7% nel primo trimestre.

Il debito pubblico solo per un soffio scende al di sotto dei 2.200 miliardi; ma secondo le stime Mazziero Research calerà a 2.187 il mese prossimo e concluderà l’anno in una fascia compresa tra 2.170 e 2.190 miliardi. La spesa per interessi a 36,2 miliardi nei primi sei mesi dell’anno, si stima che raggiungerà i 71,9 miliardi a fine 2015.

Continua a leggere su Mazzieroresearch.com.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, ecco le prime conseguenze dell’inflazione sull’azionario Usa

Mercati, Londra torna regina delle Borse

Mercati, l’oro surclassa il Bitcoin. Gli Etp per sfruttare la situazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X