Mercati, sui metalli industriali il driver è la svolta green

A
A
A
di Redazione 11 Giugno 2021 | 12:07

Festa di algoritmi sui industriali non ferrosi in Borsa, che hanno riportato la loro prima schiacciante vittoria conquistando la chiusura telematica dei prezzi a discapito del ring alle grida. Specie quando si osserva il rame, che oscillato tra un minimo in area 9800 dollari per tonnellata e un massimo in zona 10.000.

E la Cina non sembra più (almeno per il momento) rappresentare la chiave di volta nelle quotazioni del metallo rosso (malgrado ne consumi oltre il 50% su base mondiale ed il suo appetito abbia mostrato un visibile raffreddamente in queste ultime settimane) con gli analisti che ora puntano a un incremento di domanda più generalizzato e trainato dalla svolta ecologista su base globale, che dovrebbe incrementare la domanda di metallo di circa il 40% nei prossimi due decenni in un contesto in cui le svolte socialiste nei maggiori paesi produttori (Cile e Perù) mettono seriamente in predicato i futuri investimenti in estrazione.

Infine un doveroso cenno all’alluminio che rimane tonico e costantemente a ridosso dei 2.500 dollari per tonnellata non lesinando anche fenomeni di backwardation sulle scadenze brevi malgrado oltre 1,6 milioni di tonnellate di metallo siedano comodamente nei magazzini dell’Lme. E neanche i ricorrenti rumours su un rilascio di scorte strategiche da parte della Cina per 800-900.000 tonnellate sembrano scalfire la forza del metallo leggero (evidente anche nell’elevato livello dei premi), almeno per il momento…

A cura di Michael Palatiello, ad e strategist di Wings Parnets Sim

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, alluminio sugli scudi in scia al colpo di Stato in Guinea

Mercati: alluminio al top degli ultimi 10 anni, le ragioni e gli Etc

Mercati, la svolta green fa volare i metalli industriali

NEWSLETTER
Iscriviti
X