Pmi Italia peggiore delle attese, recessione per tutta l’Eurozona

A
A
A
di Stefano Fossati 3 Dicembre 2020 | 11:45

I nuovi lockdown fanno nuovamente sprofondare l’Italia in profonda recessione a novembre, determinando una decisa contrazione dell’attività manifatturiera e dei servizi. L’indice Pmi composito, che monitora l’attività dei settori servizi e manifatturiero e che misura la fiducia dei direttori degli acquisti, è calato il mese scorso a 42,7 punti rispetto ai 49,2 di ottobre.

Il dato è peggiore delle stime (le attese erano di un calo a 43,7 punti). È il livello più basso dallo scorso maggio. Crolla ovviamente il settore dei servizi, il cui Pmi scende a 39,4 punti da 46,7 del mese precedente. La soglia dei 50 punti fa da spartiacque tra espansione e contrazione del ciclo.

Nell’Eurozona l’indice Pmi composito cala a novembre a 45,3 punti dai 49,4 di ottobre; tiene la Germania, il cui Pmi composito scende a 51,7 punti dai 55 di ottobre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Economia europea verso la depressione, crolla il Pmi a marzo

È tempo di recessione? L’analisi di Robeco

7 ragioni per essere rialzisti sui mercati emergenti europei

NEWSLETTER
Iscriviti
X