Eurizon, viva il Lussemburgo

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 26 Aprile 2019 | 08:30
Dalla management company del Granducato un cedolone di 270 milioni, oltre la metà del profitto del gestito di Intesa.

Nel 2018 Eurizon Capital, società di asset management di Intesa Sanpaolo guidata da Tommaso Corcos (nella foto) ha segnato – come già comunicato – un utile netto consolidato (compreso l’utile di pertinenza di terzi) di 465 milioni di euro, in calo del 9% rispetto all’utile netto proforma del 2017 che esclude il contributo straordinario derivante dalla cessione di Allfunds Bank.

Lo scorso anno, secondo quanto risulta a Bluerating.com, una spinta decisiva alla redditività di Eurizon è venuta dalla management company lussemburghese, Eurizon Capital Sa di cui presidente è Corcos e direttore generale Marco Bus. Infatti l’utile 2018 è stato di 269,1 milioni rispetto ai 239,4 milioni dell’anno prima: il profitto è stato distribuito al socio unico, l’italiana Eurizon, prima con un acconto di dividendo di 195 milioni seguito da un’ulteriore cedola di 75 milioni. La relazione sulla gestione spiega che la crescita dell’utile è derivata dall’aumento delle commissioni anno su anno del 13% da 274,8 a 310,6 milioni mentre i costi sono rimasti stabili a 16,4 milioni.

Eurizon Capital Sa è la management company di 12 fondi lussemburghesi “ombrello” che comprendono 193 sottofondi per un totale di asset in gestione di 86 miliardi circa. Gli aum totali, compresi i mandati di gestione, sono scesi anno su anno da 120,8 a 116,7 miliardi, diminuzione dovuta in primo luogo (6,2 miliardi) all’effetto del calo dei mercati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Eurizon regina del corporate globale

Eurizon: l’utile tiene, la raccolta meno

Azionario, Eurizon: in Europa rallenta la crescita, meglio puntare sugli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X