Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

A
A
A

Il ceo commenta anche la vendita dello 0,95% del capitale da parte della Compagnia di San Paolo, così come previsto dal protocollo Acri-Mef.

Avatar di Redazione11 ottobre 2017 | 08:57

“Considero una priorità assoluta la riduzione di npl ed è quello che stiamo facendo, li stiamo riducendo dimostrando che è Carlo Messinapossibile recuperare. Noi entro due anni torneremo a livelli pre-crisi”. Lo sottolinea il ceo di Intesa Sanpaolo Carlo Messina (a destra, in una foto di archivio) in un suo intervento a Vicenza martedì 10 ottobre. “La permanenza di npl come criterio la considero però una forzatura perché se hai la possibilità di recuperare non vedo perché si debba restare dentro un criterio rigido di 2 o 7 anni. Su questo documento francamente ci sono alcuni punti di attenzione ed elementi su cui mi sento di dissentire”, spiega. “L’obiettivo della contrazione degli npl è assolutamente corretto e le richieste sono sacrosante. Quello che secondo me richiede un correttivo è questa meccanicità nella definizione dei valori, che è una regola grossolana”, dichiara Messina riferendosi alle stringenti regole della Bce sui crediti non performing.

Messina commenta anche la vendita dello 0,95% del capitale da parte della Compagnia di San Paolo, così come previsto dal protocollo Acri-Mef, che impone alle Fondazioni di ridurre l’esposizione a singoli investimenti. “In un momento in cui questo Paese sta perdendo i suoi campioni nazionali, trovate corretto che si chieda a delle Fondazioni di dismettere le loro azioni in un’azienda secondo il principio che non può essere concentrato più del 30% del patrimonio in un asset? È una regola che andava bene per Mps, ma forse bisognerebbe valutare anche che, se questa azienda è una delle più redditizie d’Europa e difficilmente le Fondazioni potranno trovare investimenti con ritorni maggiori, allora forse posporre il tempo in cui si chiedono questi interventi lo avrei trovato ragionevole”.

“Parlo da italiano e non da a.d. di Intesa“, aggiunge, “anche perché credo che rimarranno comunque azionisti importanti. Le Fondazioni hanno garantito a questa banca di avere un percorso di sviluppo e hanno sempre sostenuto le scelte del management. In questo Paese”, dice ancora Messina, “sottovalutiamo quanto sia strategico il mantenimento di noccioli duri italiani e devo riconoscere il valore strategico della presenza di azionisti come le Fondazioni nel capitale di Intesa Sanpaolo. Non vorrei mai”, conclude, “che tra qualche anno dovessimo trovarci alle prese con la messa a punto di golden power nel settore bancario”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Mediolanum, raccolta più forte del blocco Pir

Finanziaria Familiare diventa IBL Family

Allianz, un viaggio da record

Banca Progetto, ingresso d’autore per la banca digitale

Copernico Sim, appuntamento a Mantova

Deutsche Bank Wealth Management va di corsa

Ubi Banca, un Welfare da premiare

Banche, cura dimagrante a base di esuberi

La consulenza sa commuovere…me lo dice un bonsai

Ubi Banca, viva la Vidas

Deutsche Bank FA e Capital Group, nuovi fondi per i consulenti

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Obbligazioni, SocGen: nuova obbligazione SG Positive Impact Finance

Oggi su BLUERATING NEWS: BlueAcademy, la convention di Allianz Bank FA

Superpopolare al bivio della megafusione

Truffa diamanti, le banche si difendono

Ti può anche interessare

Banca Mediolanum, Pac più che triplicati

Nei primi mesi del 2018 sono stati sottoscritti quasi 42mila nuovi contratti pluriennali con addebit ...

Fineco, che tris in Emilia Romagna

La rete dei consulenti finanziari del gruppo Unicredit si rafforza in una delle regioni più importa ...

Consulenti, autonomi si guadagna di più. Garantisce Nafop

Il portavoce dell’associazione Luca Mainò indirizza un messaggio ai piccoli portafoglisti delle g ...