Unicredit, i primi barlumi dell’era Orcel

A
A
A
di Antonio Potenza 15 Marzo 2021 | 10:41

L’incoronazione di Andrea Orcel come amministratore delegato di Unicredit è attesa con alte aspettative. Tuttavia bisognerà aspettare aprile perché Orcel sia ufficialmente in carica.

Intanto si intravedono le prime ombre e gli abbozzi di ciò che sarà il gruppo milanese sotto la sua guida. La priorità sembra essere quella di allargare le filiali e la presenza sul territorio.
La necessità è diventata ancora più stringente dal momento in cui Intesa, con l’acquisizione di Ubi, è diventata leader ovunque, con un quinto del mercato in tutte le attività – il doppio rispetto ad Unicredit. Il pericolo arriva anche dal basso: non solo banco Bpm, ma anche Bper sta ingloando 532 filiali, molte lombarde.

Ingrandire la rete potrebbe comunque non risultare abbastanza per rispondere alla potenza di fuoco del colosso Intesa-Ubi. Gli attuali 12.664 sportelli sono una flotta non così cospicua rispetto alla forza dello sfidante. E anche la crescita di Icrea, Bpm e Bper, che arrivano ad un totale di 1.600 sportelli, inizia ad essere incalzante e necessità di attenzione.

Le attese su Orcel sono alte e diverse. Da un banchiere del suo calibro ci si aspetta non solo un’acquisizione. Ciò che si delinea e in un certo senso si augurano i sostenitori del gruppo è che il piano di crescita della nuova amministrazione allarghi il raggio d’azione.

Vuol dire non solo acquisizioni o partnership nel risparmio gestito; non solo intensificazione della rete sportelli; ma soprattutto investire in digitalizzazione e bancassicurazione che si prospettano i due aspetti su cui punterà Orcel.

Il primo punto sicuramente sviluppato a partire dalla passione stessa di Orcel per il Fintech e dalla necessità di investimento nel sistema informatico di Unicredit, che rimane uno dei più carenti e violati. In ottica di implementare il secondo punto, invece, potrebbe palesarsi la possibilità di un accordo con Generali per la vendita di polizze. Accordo che potrebbe piacere anche a Del Vecchio che ha il 2% nel gruppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit, Orcel snellisce la banca d’affari

Orcel, il futuro di Unicredit mira alle fusioni

Le consultazioni di Orcel: in Unicredit è caccia al n.2

NEWSLETTER
Iscriviti
X