Corcos (Fideuram), un appello per gli over 40

A
A
A
di Antonio Potenza 23 Luglio 2021 | 11:50

Tommaso Corcos, amministratore delegato di Fideuram Intesa San Paolo Private Banking e Vice presidente di Intesa San Paolo Private Banking, scrive su Il Sole 24 Ore della necessità di dare una nuova formazione agli over 40 in previsione di una nuova normalità completamente digitalizzata; oggettivamente lontana dal mondo che hanno imparato a conoscere all’inizio della loro carriera.

Alla complessità galoppante dei tempi che corrono, vi sono conseguenze e accelerazioni dovute alla crisi innescata dal Covid. Corcos riporta uno studio del Cnel, secondo il quale sono 12 milioni i lavoratori in Italia per i quali l’attività “lavorativa è stata sospesa o ridotta; l’Istat ha rilevato che, nel mese di aprile 2021, il tasso di disoccupazione è salito al 10,7%, mentre sono 870mila i posti di lavoro persi dall’inizio della pandemia”.

Gli inattivi e gli over 40

A questi bisogna aggiungere una buona percentuale di disoccupati che hanno rinunciato a cercare lavoro. Il numero degli inattivi è aumentato di quasi 460mila unità, prendendo in considerazione il periodo che va da dicembre 2019 ad aprile 2021).

Ad aver accusato maggiormente il colpo sono stati gli over 40. Secondo Corcos questa particolare categoria di lavoratori si è ritrovata “fuori dal contesto lavorativo abituale, con serie di difficoltà di reinserimento”.

L’ad di Fideuram sottolinea che in crescita è anche la percentuale di gente che cerca un’occupazione, ovvero il +4,8%, prevalentemente tra i 35 e i 49 anni. E ancora: tra “le professionalità più difficilmente reperibili nel nostro Paese, vi sono tutte figure che hanno in comune competenze di lavore in una dimensione sempre più impattata dalla rivoluzione digitale”.

Talent garden

In tal senso, annuncia l’ad, Fideuram vuole fare qualcosa. Il tentativo di intervenire nella dinamica di occupazione si concretizza con il progetto “Talent Garden”, 75 borse di studio per il primo master in Data Analysis.

Il progetto è pilota, parte dalla Lombardia, ma nei piani del numero uno di Fideuram vi è una certa espansione nelle altre regioni d’Italia.  Nonché all’affiancamento al programma di inserimento di giovani all’interno della Divisione del Private Banking, “come nostro contributo al Pnrr”.

Tutto è già pronto:

  • Da settembre i primi 25 partecipanti, ultraquarantenni e residenti in Lombardia, nonché disoccupati, inizieranno il loro percorso di aggiornamento e reinserimento lavorativo;
  • il corso durerà 13 settimane, dal 27 settembre al 23 dicembre, i partecipanti esploreranno tutte le fasi: raccolta, analisi, elaborazione, gestione.
  • al maste si accede tramite selezione basata su competenze tecniche e trasversali;
  • non sono necessari titoli specifici di studio, bensì esperienze lavorative pregresse in contesti organizzati e “passione per il mondo del digitale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Eurizon, Corcos: rendimenti a doppia cifra per i nostri clienti

Corcos (Assogestioni): “Rimettere mano rapidamente alla disciplina dei Pir da poco modificata”

Assogestioni: bis di Corcos. Nome nuovo tra i vicepresidenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X