La riforma delle Bcc? Una perfetta missione (in)compiuta

A
A
A
di Gianluca Baldini 22 Novembre 2016 | 10:41

In Italia ci sono 365 banche di credito cooperativo. Secondo il governatore della Banca d’ Italia Ignazio Visco il 60 per cento passerebbe gli esami degli attivi. Ma, visti i precedenti, conviene usare il condizionale. Il 35 per cento “hanno valutazioni di attenzione” e il 10 per cento sono in difficoltà. La riforma delle Bcc avrebbe dovuto portare alla costituzione di una capogruppo, ma tutto si è insabbiato di fronte alla solita rissa. Capogruppo con almeno un miliardo di patrimonio avrebbe dovuto essere l’ Iccrea. Ma le casse trentine e venete hanno lanciato la secessione con la Cassa Centrale Banca, con base a Trento e che sfiderà l’Iccrea con (forse) 130 Bcc e 15 popolari.

Così sfuma l’ obiettivo di creare un unico grande gruppo, uno dei primi dieci italiani. Ma, si sa, quando si vanno a toccare gli interessi e il potere delle banche locali la guerra è sicura, a prescindere dalle migliori condizioni che il mercato offre. In compenso l’unica Bcc che diventerà spa secondo la riforma è quella di Cambiano, la banca più renziana d’Italia, guidata dal presidente Paolo Regini che ai tempi delle primarie del Pd riuscì a “convertire” la zona Empolese-Valdelsa da dalemiana a renziana portando in dote voti, relazioni, contributi e  organizzazione dentro il partito. In sostanza, per la riforma delle Bcc, missione (in)compiuta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Milano Hub, parte la sfida fintech della Banca d’Italia

L’altolà di Banca d’Italia: possibili vincoli su mutui e prestiti

Tips, la piattaforma europea per i pagamenti elettronici potrebbe favorire la nascita dell’euro digitale

NEWSLETTER
Iscriviti
X