Attenzione massima al “Buffet Indicator”

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 17 Agosto 2020 | 10:00

A cura di Wings Parteners Sim

A più riprese abbiamo parlato dello strano andamento dei listini azionari americani, di fatto trascinate al rialzo da una manciata di titoli che ha lasciato il resto del settore assai indietro. A questo punto le cose sono due ovviamente: o il resto delle aziende si accoda al rimbalzo rafforzando la spinta rialzista, o per contro una delle (poche) aziende forti del mercato inizia a perdere terreno, producendo un tracollo degli indici.

Una delle metriche più utilizzate per cercare di prevedere eventuali fasi di flessione azionaria pronunciata è il “Buffet Indicator, che secondo il suo egregio inventore avrebbe pronosticato con largo anticipo la catastrofe del 2001.

L’indice è tanto semplice quanto significativo: si confronta la capitalizzazione totale delle aziende con il PIL; quando questo rapporto è tra il 70% e l’80% è il momento di investire, quando siamo sopra al 100% è il momento di iniziare a ritirare le fiches dal tavolo.

Beh, inutile dirlo, questo indicatore è al momento sopra quota 100% ed ai massimi da 30 mesi e negli ultimi due decenni ogni qual volta questa situazione si è verificata… vi do solo le date: 2000, 2008 e 2018 (sarà un caso che la Berkshire sia seduta su una montagna di cash pari a 146,6 mld di usd malgrado le interessanti opportunità che offre il mercato in questa fase storica?).

Attenzione massima dunque.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Outlook Borse secondo semestre: il trend del Dow negli anni post-elettorali

Borse internazionali: l’analisi tecnica settimanale di Aldrovandi

Investimenti: Borse ancora al top, ma attenzione alle trimestrali

NEWSLETTER
Iscriviti
X