Mercati, per mantenere l’ottimismo è necessario il sostegno fiscale

A
A
A
di Stefano Fossati 14 Gennaio 2021 | 13:30

“Per la terza ondata (che di certo ci sarà e bisognerà quantificarne solo la portata) saremo molto più preparati. Fonte di preoccupazione continuano a essere i numeri sulla disoccupazione e, mentre molte economie sono sfuggite a una condizione di recessione tecnica nel corso del 2020, per evitare una recessione negli Stati Uniti nel corso del 2021 – che potrebbe generare un profondo impatto su scala globale – sarà necessario un sostegno fiscale, oltre all’estensione dell’offerta monetaria. Al momento, i problemi di liquidità non rappresentano il principale ostacolo che gli investitori si trovano a dover fronteggiare”. E’ quanto nota Geir Lode, Head of Global Equities per la divisione internazionale di Federated Hermes. Di seguito la sua visione.

L’esito delle presidenziali negli Stati Uniti dovrebbe conferire una stabilità maggiore al commercio globale, migliorando il sentiment nei confronti delle aziende coinvolte. Tuttavia i timori legati all’andamento della pandemia, tanto a breve quanto a medio termine, insieme alle tensioni di lungo periodo tra Stati Uniti e Cina sono tutti fattori che, messi insieme, contribuiscono a offuscare le prospettive societarie. Gli utili e le aspettative di crescita per il 2021 – ed oltre – rimangono ottimistici, sui livelli previsti all’inizio del 2020.

La pandemia ha portato a cambiamenti positivi dal punto di vista comportamentale, che persisteranno a lungo termine, poiché la resilienza delle aziende e il benessere dei dipendenti sono diventati questioni cruciali. Mentre i tassi d’interesse sono bassi, l’accesso al debito può avvenire a basso costo, consentendo di finanziare possibilità di trasformazione del proprio business. Le imprese con un maggior valore in termini di innovazione potranno beneficiare di una rapida crescita indipendentemente dal contesto economico.

Le tematiche che ruotano intorno alla sostenibilità continuano a rafforzarsi. I marchi forti e il trend che offre beni e servizi ad un pubblico di massa presentandoli come fossero destinati ad un pubblico di nicchia continuano a garantire redditività ai leader di mercato e sempre più aziende cercano di trarre vantaggio da questa dinamica. La prossima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici presenterà piani più ambiziosi da parte dei singoli Paesi sulle strategie di decarbonizzazione delle proprie economie.

Continuiamo a concentrarci sul profilo di qualità oltre che sulla valutazione, sul growth, sul momentum e sulle valide, o in miglioramento, caratteristiche Esg, identificando società solide, ben posizionate per il futuro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: quando bad news fa rima con good news

Direct lending, meglio senior secured o unitranche?

Titoli di Stato, che cosa succede se cambia la forma delle curve

NEWSLETTER
Iscriviti
X