Bankitalia: servono diplomazia e buon senso con l’Ue

A
A
A
di Marcello Astorri 31 Maggio 2019 | 12:17
Il governatore Ignazio Visco ha parlato durante la relazione annuale, esortando il governo a fare di più per la crescita.

Moderare i toni con l’Europa e massimo impegno per abbassare lo spread, che zavorra la crescita. Sono le esortazioni del governatore Ignazio Visco, durante la presentazione della relazione annuale della Banca d’Italia. Più che impiegare risorse su sussidi e trasferimenti, ha detto in sostanza Visco, il governo dovrebbe cercare di intraprendere misure per stimolare l’attività economica, insieme a un’ampia riforma fiscale. Senza “addossare colpe all’Europa”. Per Bankitalia, se l’Italia fatica a riprendersi dagli anni della recessione è perché c’è un contesto “poco favorevole all’attività imprenditoriale”.

Intanto “il credito delle banche italiane continua a migliorare”, con il tasso di deterioramento dei finanziamenti sceso nel primo trimestre all’1,3%, un dato inferiore a quelli osservati prima della crisi. Riguardo i crediti deteriorati, invece, il governatore ha sostenuto la necessità di ricorrere, come avviene in altri paesi, a operatori specializzati come i fondi di turnaround, utili a fornire risorse per il rilancio delle aziende in difficoltà.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca d’Italia conferma gli istituti a rilevanza sistemica nazionale

Risparmio, bottino da 200 mld per ripartire

Banca d’Italia, nel 2020 aumentano gli esposti per truffe online

NEWSLETTER
Iscriviti
X