Mercati: il Bitcoin non crolla ma non si dimostra un bene rifugio

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 8 Marzo 2022 | 09:29

Come si sta comportando il Bitcoin in questo scenario di guerra e di altissima volatilità per i listini azionari? Si sta dimostrando un bene rifugio al pari dell’oro o addirittura migliore come avevano predetto in molti?

Osservando il grafico su base giornaliera dei prezzi della criptovaluta la risposta alla prima domanda è: non sta crollando come le Borse. Ma nemmeno, e qui passiamo alla risposta alla seconda domanda, sta salendo a differenza di quanto accade al lingotto che si sta dimostrando tra i pochi, reali, beni di rifugio effettivi assieme al franco svizzero (e al dollaro, anche se in parte).

Il quadro tecnico del Bitcoin e i prossimi target da minitorare

Il Bitcoin ha disegnato sul grafico daily un doppio massimo a ridosso della resistenza statica posta a 45.000 dollari. Una figura tecnica che solitamente innesca una correzione dei corsi. E così è stato, vista la recente discesa delle quotazioni inarea 38.265. E il movimeto ribassista potrebbe proseguire almeno fino al test del supporto dinamico ascendente di medio termine che al momento transita poco al di sotto della soglia dei 35.000 dollari. Dopodichè, eventualmente, se questo sostegno si dimostrerà valido potrebbe assistere a un rimbalzo, per lo meno di breve periodo.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X