Rating sovrano italiano confermato da S&P’s, per ora

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Dicembre 2016 | 12:30

S&P’S RASSICURA: RATING ITALIANO STABILE – Nella pioggia di commenti all’esito del referendum italiano, negativo per la riforma e destinato ad avere ripercussioni politiche (Matteo Renzi si è dimesso, nella giornata si capirà se c’è la possibilità che il governo di fatto sopravviva con un nuovo premier per cercare di chiudere la legislatura al 2018 o debba essere sostituito da un governo di scopo per modificare la legge elettorale e prepararsi ad elezioni anticipate) uno dei più rassicuranti per il mercato è arrivato da Standard & Poor’s.

RIFORMA POTEVA AVERE RIFLESSI POSITIVI – In una nota l’agenzia di rating ha annunciato che non vi sono impatti “per ora” sul rating sovrano italiano (che resta pertanto “BBB-”/ “A-3” con outlook “stabile”) a seguito dell’esito del referendum. Tuttavia “la riforma respinta voleva fare chiarezza sulle responsabilità dell’amministrazione centrale e locale e convertire il bicameralismo parlamentare italiano in un sistema monocamerale per semplificare il processo legislativo italiano e facilitare il ruolo esecutivo del governo”.

NESSUN IMPATTO NEGATIVO IMMEDIATO – Per quanto la riforma potesse avere “effetti potenzialmente positivi”, nell’immediato l’esito negativo del referendum “non ha un impatto sull’affidabilità creditizia dell’Italia” non essendovi immediate implicazioni per l’economia italiana o la politica di bilancio. Anche perché, come notano gli analisti, il sistema bicamerale italiano e l’esistenza di un sottile margine di maggioranza a fronte di un’opposizione piuttosto vivace, non ha impedito a Renzi di varare una serie di riforme strutturali nel campo del lavoro, dell’istruzione e del sistema bancario. Chi vivrà vedrà, dunque.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ubs: costruttivi sui titoli di Stato italiani nonostante la crisi di governo

Politica italiana dopo le primarie del PD, l’outlook di Barclays

Il mercato non gradisce le nomine renziane, Leonardo in netto calo

NEWSLETTER
Iscriviti
X