Nuova Voluntary/2 – Sui capitali e i contanti fatti emergere si pagano le normali aliquote Irpef

A
A
A
di Redazione 25 Ottobre 2016 | 10:28

da www.ilfattoquotidiano.it

I contribuenti potranno aderire alla “voluntary 2” fino al 31 luglio 2017, a patto di non aver ricevuto avvisi di accertamento, ispezioni o altre notifiche dalle Entrate e di non aver già presentato istanza sfruttando la prima edizione della Voluntary, che si è chiusa il 30 novembre 2015. I documenti aggiuntivi e le eventuali ulteriori integrazioni potranno essere presentati entro il 30 settembre 2017. Il “cash” e gli altri valori al portatore saranno tassati sulla base della normale aliquota Irpef applicabile ai redditi del contribuente che aderisce. Per quanto riguarda i capitali nascosti all’estero, la tassazione grava solo sui rendimenti. Quindi per esempio chi ha un conto bancario estero da 1 milione frutto di un’eredità, ipotizzando un rendimento del 5% e quindi un guadagno di 50mila euro, pagherà solo l’imposta sostitutiva del 27% sulla plusvalenza, cioè 13.500 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti e fisco, la rimodulazione delle aliquote Irpef

Consulenti e fisco, la riforma dell’Irpef

Tasse, parte il “Giro dei Tributi”

NEWSLETTER
Iscriviti
X