Pagamenti digitali, investitori sempre più caldi anche in Italia

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Aprile 2019 | 11:28

Pagamenti digitali piacciono agli investitori

Il settore dei pagamenti digitali interessa sempre più gli investitori, che ricercano nuove società su cui puntare anche in Italia. La conferma viene non solo dall’andamento dell’Ipo di Nexi (l’ex Cartasi) che avrebbe ormai registrato domande da parte degli investitori istituzionali più che doppie rispetto al quantitativo di titoli messo in vendita, ma anche da operazioni come quella di Utego, la prima app italiana che aggrega i rapporti economici degli utenti e ne aumenta il potere d’acquisto verso gli intermediari finanziari che ha avviato una campagna di crowdfunding con un obiettivo minimo di raccogliere 120 mila già superato (ad oggi si sono raccolte adesioni per 126 mila euro) nonostante manchino ancora 54 giorni alla chiusura ufficiale della campagna.

Utego parte da 2 milioni di valutazione pre money

La valutazione “pre money” di Utego è appena sotto i 2 milioni di euro e con la campagna verranno collocati titoli pari a circa il 5,93% del capitale “post money”. Per quanto riguarda la business idea, dal lato utenti Utego sarà un’app sempre gratuita tramite la quale accedere a tutti i propri conti e carte, vedere le offerte degli intermediari presenti sul mercato e formare insieme ad altri utenti dei gruppi di acquisto attraverso i quali contrattare offerte, servizi e condizioni speciali attraverso il meccanismo dell’asta tra gli intermediari interessati.

In Italia 10 milioni di utenti multibancarizzati online

Dal lato degli intermediari finanziari, assicurativi, di telecomunicazioni, energetici, Utego darà la possibilità di creare e mantenere una nuova relazione coi clienti esistenti e di nuova acquisizione, accedendo a un nuovo market place di contatti commerciali altrimenti difficilmente raggiungibili, secondo quanto ha spiegato la società nella presentazione della campagna di crowdfunding. Il mercato di riferimento a cui punta Utego sono i 10 milioni di italiani che hanno più di un conto corrente che consultano online, accedendo a differenti piattaforme di internet o mobile banking.

Acquisire utenti costerà 25 euro caduno

Il business plan di Utego prevede, con un costo di acquisizione utenti di 25 euro caduno, di raggiungere circa 68 mila utenti al primo anno di attività (lancio settembre 2019), pari allo 0,65% della base di partenza (10 milioni di utenti potenziali) per salire a 307 mila al quinto anno. Rispetto ad altri competitor già operanti nel mercato europeo, per la sola funzionalità di aggregazione finanziaria, Utego offre anche la logica del gruppo di acquisto e delle aste finanziarie (“social shopping”), rispetto alle quali non ha attualmente competitor né in Italia né in Europa. Un dettaglio che sembra aver acceso la fantasia di molti investitori privati, apparentemente non spaventati dall’elevato rischio associato ad investimenti in startup tramite operazioni di equity crowdfunding.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Equity crowdfunding, ecco la ricerca targata Cfa Society Italy

Notarify, partecipata Bfc Media, in overfunding capitalizza oltre 6,5 mln di euro

Notarify, boom di sottoscrizioni per la campagna di crowdfunding (con sconto fiscale)

NEWSLETTER
Iscriviti
X