Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

A
A
A
di Redazione 6 Agosto 2021 | 16:42

Di seguito il Daily Market Brief a cura di Ipek Ozkardeskaya, Senior Analyst di Swissquote, società svizzera leader nell’online banking e quotata alla Borsa di Zurigo.

È il venerdì in cui verranno pubblicati i dati sui Non Farm Payrolls americani e l’umore del mercato non è poi così male se pensiamo che le principali notizie indicano che la variante Delta in rapida espansione potrebbe minacciare prima o poi la ripresa economica

Ci sono cancellazioni di eventi, aziende che rivedono i loro piani per riportare i dipendenti in ufficio e un chiaro cambiamento nel comportamento dei consumatori.

Fortunatamente, i guadagni della società sono relativamente forti per impedire agli investitori di scivolare in una nuova depressione.

Tuttavia, è importante valutare i rischi di una nuova crisi di contagio per le imprese, poiché l’aumento dell’inflazione riduce significativamente il margine di manovra per la politica della Federal Reserve (Fed), e la Fed potrebbe non essere così solidale come lo è stata nel primo anno e mezzo della crisi Covid nell’ aiutare le aziende a tenere la testa fuori dall’acqua.

Tuttavia, una “buona” notizia è che, se le cose dovessero peggiorare, l’inflazione potrebbe iniziare a rallentare e un’inflazione più debole potrebbe alla fine dare una “finestra” di opportunità alla Fed per mantenere la sua politica abbastanza libera di aiutare le aziende a sopravvivere ad un’altra crisi. Ma questa è un’aspettativa molto “tirata” e non può essere presa come base per misurare le attese di politica monetaria.

Per ora, i principali indici statunitensi stanno scontando i forti guadagni delle aziende piuttosto che le preoccupazioni relative alla variabile Delta in aumento, e anche la possibilità di vedere un dato NFP debole non sembra interferire con l’umore rialzista del mercato.

Ma ancora, dopo il dato deludente di mercoledì per i nuovi posti di lavoro privati negli Stati Uniti, gli investitori non camminano a cuor leggero verso la pubblicazione di questo pomeriggio.

Si prevede che l’economia statunitense abbia aggiunto 870.000 posti di lavoro non agricoli a luglio, poco più degli 850’000 del mese scorso. Tuttavia, le stime degli analisti tendono ad essere imprecise in questi giorni, quindi potremmo vedere un numero significativamente superiore o inferiore al consenso delle stime degli analisti.

Una cifra forte dovrebbe aumentare ulteriormente l’appetito per il mercato azionario statunitense, anche se mi aspetto che l’andamento dei titoli energetici e ciclici rimangano indietro i titoli a casa a causa delle crescenti preoccupazioni per il Covid.

Un dato soft sugli NPL, d’altra parte, difficilmente potrebbe cambiare le attese di una Fed che annunci il tapering dei bond tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo, e il primo rialzo dei tassi nel 2023. Ok, in due anni le cose potrebbero cambiare.

Nel FX, vedremo probabilmente che un dato NFP forte potrebbe aumentare i guadagni del dollaro USA contro l’euro ed esercitare un’ulteriore pressione negativa sull’EURUSD, che di recente non è riuscito a superare la resistenza a 1,19.

E il recente rimbalzo del rendimento a 10 anni degli Stati Uniti sta ora spingendo i prezzi dell’oro al ribasso. Una cosa curiosa del significativo allentamento del rendimento a 10 anni degli Stati Uniti è stato il fatto che il metallo giallo è rimasto relativamente insensibile, suggerendo che i bassi rendimenti statunitensi hanno principalmente stimolato l’appetito nei mercati azionari più remunerativi. A questo proposito, il metallo giallo ha maggiori possibilità di rompere la sua gamma 1790/1830 al ribasso, a meno che gli Stati Uniti non escano dati sui posti di lavoro straordinariamente bassi che sbattano contro il muro l’appetito degli investitori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

Mercati a metà strada tra pandemia e nuova normalità, come investire in questa fase

NEWSLETTER
Iscriviti
X