Piteco in luce dopo acquisizione Usa nei pagamenti digitali

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Aprile 2017 | 12:16

PITECO TORNA A SALIRE IN BORSA – Piteco, la principale società in Italia nel campo della progettazione, sviluppo e implementazione di soluzioni gestionali per la tesoreria, finanza e pianificazione finanziaria, controllata al 55,47% da Dedagroup, riprende a salire sull’Aim Italia, portandosi a 5,035 euro per azione (+1,55%), sempre più vicina ai massimi degli ultimi 12 mesi (5,35 euro segnato il 27 marzo dopo la pubblicazione dei risultati 2016) con la capitalizzazione che sfiora i 90 milioni di euro ed un guadagno di oltre il 37% rispetto ad un anno fa.

LA SOCIETA’ FA SHOPPING NEGLI USA – Ieri la società, che lo scorso anno ha registrato un utile netto di 4,5 milioni (ed ha così proposto un dividendo di 15 centesimi per azione), aveva annunciato di aver rilevato la quota di controllo di uno dei principali operatori americani nel settore dei digital payments e clearing house che nel 2016 ha realizzato 5 milioni di dollari idi fatturato e 1,75 milioni di utile lordo.  L’operazione è stato siglata dalla controllata (al 100%) Piteco North America Corporation, che possiede a sua volta il 55% della società veicolo Juniper Payments Llc che ha siglato l’accordo vincolante per l’acquisto del ramo d’azienda operativo dalla controparte americana.

SI PUNTA SUI PAGAMENTI DIGITALI – L’esborso complessivo per Piteco, che ha finanziato l’operazione tramite un mutuo bancario di 7 milioni di euro e un parziale utilizzo della liquidità aziendale, è pari a 13 milioni di dollari, di cui 3 come capitale di rischio per acquisire la quota di controllo di Juniper Payments e 10 come finanziamento intercompany rimborsabile in 10 anni. Tramite la sua piattaforma online, Juniper Payments collega circa 3.500  banche americane, configurandosi come una delle reti interbancarie più estese degli Usa Piteco ha iniziato la sua attività nel 1980 e da allora è arrivata a servire oltre 2.500 clienti, potendo contare su tre strutture operative (a Milano, Padova e Roma) e 85 professionisti qualificati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pagamenti digitali, le banche rischiano di perdere il 20% dei ricavi

Jiffy, accordo sui pagamenti con Iper, UBI Banca e SIA

Pagamenti elettronici, 4 su 10 anche per meno di 5 euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X