Svizzera, aziende big sempre meno rossocrociate

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 18 Aprile 2019 | 13:00

Nella Confederazione elvetica le grandi aziende stanno perdendo a poco a poco la proprietà svizzera. Uno studio condotto dalla società di consulenza Ernst & Young (riportato dal sito web della Rsi) svolto tra le 30 maggiori società elvetiche e pubblicato da NZZ am Sonntag, ha dimostrato come gli investitori globali sono sempre più presenti nel capitale azionario.

In media, solo il 39% delle azioni delle maggiori ditte considerate, tra le quali Nestlé, Credit Suisse e UBS, è ancora in mano a investitori nazionali, contro il 61% posseduto da azionisti stranieri. Il dato conferma l’attrattività dell’economia svizzera e la sua forte interconnessione con l’estero, ha sottolineato il responsabile della ricerca Tobias Meyer.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, ecco la classifica delle big cap italiane più sostenibili

Investimenti, Usa e tassazione delle aziende: il possibile impatto a Wall St.

Ridotto a 2 milioni di euro il valore dell’impairment dell’avviamento delle aziende italiane

NEWSLETTER
Iscriviti
X