Pagamenti elettronici, un settore difensivo in forte crescita

A
A
A
Avatar di Stefano Fossati 28 Ottobre 2020 | 15:30

“A volte accusate di favorire la trasmissione di virus, le monete e le banconote hanno perso terreno a favore dei pagamenti elettronici e da mobile dall’inizio della pandemia di coronavirus. I commercianti al dettaglio hanno dovuto implementare in fretta sistemi tecnologici con i quali non avevano necessariamente familiarità, mentre i clienti in precedenza riluttanti a effettuare pagamenti online hanno dovuto effettuare il passaggio. Tuttavia, si tratta semplicemente di un’accelerazione di una tendenza a lungo termine che offre interessanti opportunità di investimento”. E’ l’opinione di Géraldine Guyon, financial analyst di Edmond de Rothschild. Di seguito le sue previsioni.

Il settore fintech

I pagamenti elettronici e da mobile appartengono all’ampio settore fintech che, dal 2008, offre tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico, il cloud e la blockchain, per migliorare la fornitura di servizi finanziari e ridurre i costi associati; tali servizi includono la possibilità di aprire un conto bancario in meno di 8 minuti, aggregazione di conti bancari, robo-advisor, prestiti rapidi, trasferimenti di denaro, pool di assicurazioni e piattaforme di gestione degli account.

Il settore sta vivendo a una crescita esponenziale, trainata in particolare dalle giovani generazioni, e da Paesi e governi che cercano di combattere l’evasione fiscale. Sono state quindi adottate nuove misure e leggi per offrire ai consumatori protezione per i loro acquisti online o elettronici. Questi includono, in particolare, il Gdpr (General Data Protection Regulation) e la direttiva Nis (Network and Information Security). Anche la nuova Payment Services Directive (Psd2) promuove i pagamenti elettronici, in quanto obbliga le banche ad aprire i loro sistemi informatici alle aziende fintech e ai giganti della tecnologia (Google, Apple, Facebook e Amazon). Inoltre, a maggio la soglia per i pagamenti contactless è stata innalzata da 30 a 50 euro.

WeChat Pay e QR Code

Secondo Cap Gemini, i pagamenti elettronici dovrebbero registrare una forte crescita nei prossimi anni. Nei mercati in via di sviluppo, si prevede una crescita del 23,5% per il periodo 2017-2022. L’Africa e l’Asia stanno registrando una crescita molto significativa. I consumatori cinesi pagano con i loro telefoni cellulari utilizzando l’applicazione WeChat Pay e la tecnologia di pagamento contactless QR Code.

La ponderazione dei Paesi emergenti nella crescita globale dei pagamenti elettronici potrebbe passare dal 35% nel 2017 al 50% nei prossimi anni. I Paesi con la crescita più forte sono la Russia (+40% per i pagamenti non in contanti nel 2017), l’India (+39%) e la Cina (+35%). In altri Paesi, in particolare Europa e Stati Uniti, il mercato è già più maturo e il tasso di crescita è del 7%. Tra il 2015 e il 2022, il volume annuo dei pagamenti elettronici dovrebbe crescere da 450 miliardi di dollari a oltre 1.000 miliardi di dollari a livello globale.

La crescita dei pagamenti digitali resterà probabilmente elevata nei prossimi anni, grazie alla grande percentuale di clienti che ancora pagano in contanti, pari all’86% della popolazione in Italia e Spagna, all’80% in Germania e al 70% in Francia. Tuttavia, il vero motore della crescita dei pagamenti digitali verrà dal boom del commercio elettronico. Infine, ma non meno importante, l’arrivo dei pagamenti istantanei potrebbe rivoluzionare il settore e rappresentare il 23% dei pagamenti in Europa entro il 2023.

Ondata di M&A

Anche il settore dei pagamenti elettronici continuerà ad attrarre investitori grazie all’ondata di operazioni di M&A iniziate cinque anni fa. Le operazioni di M&A sono ora in corso anche in Europa, come dimostra la fusione di Worldline con Ingenico. Le aziende si stanno unendo per raggiungere una massa critica e volumi di transazioni elevati. Rendere redditizie le piattaforme è la priorità per ottimizzare i costi di transazione.

In definitiva, la natura difensiva di questo settore offre agli investitori una fonte di diversificazione del portafoglio. Qualunque siano le circostanze o le prospettive economiche, le famiglie devono spendere soldi, almeno per il cibo e l’essenziale quotidiano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il rinnovato appeal degli asset italiani con la nomina di Draghi a Palazzo Chigi

Azionario, le aziende “di moda” oggi non saranno necessariamente i vincitori di domani

Mercati del credito: premi di rischio adeguati all’incertezza, ma è urgente ripristinare la crescita

NEWSLETTER
Iscriviti
X