Consulenti, il contratto ibrido è stato un flop

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 11 Gennaio 2019 | 09:35
Calcagni (Fisac Cgil): “Solo 30 persone inquadrate così finora”.

“L’esperimento non ha funzionato”. Parola di Giuliano Calcagni, segretario della Fisac Cgil che nei giorni scorsi, in un’intervista a Milano Finanza, si è espresso in questi termini riguardo al contratto ibrido, cioè quello firmato dal gruppo Intesa Sanpaolo con i sindacati dei dipendenti bancari. Si tratta di un inquadramento con cui il personale viene assunto con un contratto part time da dipendente bancario, a cui si aggiunge la libera professione come consulente finanziario c. Finora, tuttavia, a detta di Calcagni soltanto 30 persone sono state reclutate dalla banca con questa nuova forma di assunzione. Il contratto ibrido è stato istituito dopo un accordo siglato da Intesa Sanpaolo con i sindacati nel 2017 (si veda qui la notizia).  L’accordo firmato a suo tempo, ha sottolineato Calcagni, “sottrae il sindacato dall’accusa infondata di essere conservatore”. Tuttavia, per il segretario della Fisac Cgil questa innovazione è stata di fatto un flop.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulente, quando il cliente “scappa” è perché non gli piaci abbastanza

Consulenti, valanga di sanzioni a marzo

Banca Generali, raccolta ricca a marzo

NEWSLETTER
Iscriviti
X