Mercati, petrolio: la paura fa di nuovo 90 per il Brent

La nuova guerra in Medio Oriente con l’l’imminenza della possibile offensiva di terra a Gaza e il rischio del coinvolgimento di altre forze islamiche oltre ad Hamas ha riportato le quotazioni del future sul petrolio Brent a oltrepassare la soglia tecnica e psicologica dei 90 dollari per barile.

Ad accentuare le tensioni sulle quotazioni del greggio si somma poi il timore di nuove  sanzioni americane (e forse europee) che potrebbero ridurre la già limitata disponibilità di barili: Biden aveva abbassato la guardia da mesi con Teheran, forse per prevenire picchi di prezzo del petrolio, tanto che l’export di greggio e prodotti petroliferi dall’Iran è quasi raddoppiato da inizio 2023. Ma ora l’Iran, sostenitrice di Hamas, ora rischia ina stretta da parte degli Usa.

Il quadro tecnico del Brent

Se dovesse essere confermato il superamento di quota 90 e i prezzi allungassero poi (anche di poco) ulteriormente il passo, il Brent ritornerebbe a oscillare all’interno del canale rialzista che aveva avuto origine a fine giugno dopo il test del supporto statico a 71,30 dollari per barile che aveva spinti i corsi a fine settembre fino a quota 97,70. Operativamente, al rialzo, prossimi potenziali target a 95 prima e oltre quota 97 poi. Sotto 88,80 (livello dove passa ora la media mobile a 50 sedute), per contro, obiettivi potenziali in area 85/83,60 prima e 81,70/80 nel caso poi.

Gli Etc sul Brent a Piazza Affari

A Piazza Affari sul Brent sono disponibili i seguenti Etc: Wisdomtree Brent Crude, Wisdomtree Brent Oil Etc, Wisdomtree Brent Oil 3x Leverage Daily Etp, Wisdomtree Brent 1mth Oil Securities e al ribasso Wisdomtree 1x Daily Short Brent Crude.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!