Consulenti, ecco come è cambiato il risparmio dopo il lockdown

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Ottobre 2020 | 12:04

In vista della Giornata Mondiale del Risparmio, che si celebrerà il 31 ottobre, N26 ha pubblicato i dati di una recente indagine condotta a livello globale per indagare l’impatto dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 sull’attitudine al risparmio dei consumatori, tema di sicuro interesse anche per i consulenti finanziari, soggetti con i quali i risparmiatori spesso (per fortuna) si confrontano. Secondo quanto emerso dallo studio, l’impatto economico della pandemia ha avuto ripercussioni sull’approccio degli italiani alla gestione delle proprie finanze e dei risparmi: il 27% degli intervistati ha infatti dichiarato di fare molta più attenzione all’utilizzo del proprio denaro per assicurarsi una maggiore sicurezza economica sul lungo periodo, un dato in linea con altri Paesi europei come Germania (24%), Francia (25%) e Belgio (28%).

Come conseguenza di questo nuovo approccio al risparmio, un italiano su tre (34%) ha dichiarato di aver rinunciato a una spesa non essenziale per risparmiare denaro per il futuro, mentre l’11% fa ora maggiore attenzione al proprio bilancio. Inoltre, le persone risultano maggiormente inclini all’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici per una migliore gestione delle proprie finanze: il 17% ha affermato di essere più propenso ad affidarsi a funzionalità o applicazioni per la gestione del denaro e la pianificazione delle proprie spese e il 6% ha ammesso di non aver avuto un conto di risparmio prima dell’emergenza sanitaria ma di essere adesso decisamente intenzionato a crearne uno. Al contrario, solo il 26% degli intervistati ha dichiarato di non aver cambiato il proprio comportamento in seguito alla pandemia, un dato significativamente inferiore rispetto ad altre nazioni come Paesi Bassi (47%), Germania (37%), Francia (36%) e Belgio (34%).

A conferma di quanto evidenziato dall’indagine, a partire dalle prime fasi del lockdown, N26 ha registrato una stabile crescita mensile dell’utilizzo della funzionalità Spazi, un vero e proprio conto parallelo al conto corrente principale N26 che aiuta i clienti a risparmiare o a mettere da parte i soldi per un acquisto importante, con un aumento del +50% tra aprile e settembre 2020, il dato più alto in Europa. Il fatto che questo trend non sia cambiato nel corso dei mesi estivi, quando le misure di contrasto al Covid-19 si sono attenuate, conferma che le abitudini di risparmio acquisite durante il lockdown potrebbero essere destinate a durare.

La ricerca ha inoltre rivelato una preferenza per la scelta di un’unica banca per gestire sia il proprio conto principale, sia il conto di risparmio, opzione scelta dal 39% degli italiani. Tra il 31% che invece ha scelto di affidarsi a due banche separate, la ragione principale è la possibilità di ottenere migliori tassi di interesse da un fornitore diverso da quello del proprio conto principale. Infine, il 30% degli intervistati ha ammesso di non possedere ancora un conto di risparmio, una percentuale particolarmente elevata rispetto alla media globale del 18%.

“I dati emersi dalla nostra indagine dimostrano una crescente attenzione al risparmio da parte degli italiani, un trend confermato anche dalla rapida adozione della nostra funzionalità Spazi, che aiuta i clienti a risparmiare per obiettivi grazie a funzioni come Smart Budgeting e le statistiche e che ha visto una crescita dell’utilizzo mensile del 50% tra aprile e settembre 2020. Per venire ulteriormente incontro alle esigenze dei nostri clienti, lanceremo presto la funzionalità Regole per arrotondare i pagamenti, che permetterà ai clienti premium di mettere automaticamente da parte del denaro in base alla propria spesa mensile, senza doversi preoccupare della pianificazione e vedendo crescere rapidamente i propri risparmi senza alcuno sforzo”, ha dichiarato Andrea Isola, General Manager Italia e South East Europe di N26.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, le false promesse dei reclutatori

Mediolanum, occhi puntati sui grandi banker

Consulenti: in his shoes, nei panni del cliente

Ristori, l’appello di consulenti e agenti a Fontana

Südtirol Bank, un ex di Ubi Banca Private per la rete

Consulenti, una delle tre colonne per un futuro sostenibile

IWBank PI, su LinkedIn un’ipotesi curiosa sul futuro

Dossier reclutamento 2021 – Banca Generali, obiettivo tripla cifra

Decreto Ristori bis, la proposta di un agente per aiutare i professionisti

Dossier reclutamento 2021 – Azimut, un piano per i millennial (e non solo)

Consulenti, quanto costa dire una bugia

Banca Generali, un piano per i progetti di vita

Decreto Ristori bis, apertura del Governo a consulenti e agenti

Azimut, un nuovo acquisto d’eccellenza per Libera Impresa

Consulenti: online sì, ma con giudizio

Azimut, Martini tira la volata al fondo digital

Consulenti, occhio a quel questionario Mifid

Decreto Ristori bis, il popolo dei consulenti si divide

Consulenti, la vessazione dello smart working

Decreto Ristori bis: no ai consulenti, sì alle escort

Consulenti, quando il cliente vi vuole lasciare

Banca Mediolanum, l’utile frena, ma il gestito vola

Oggi su BLUERATING NEWS: i conti di Fineco

Fineco, trimestre coi fiocchi per utile e raccolta

Deutsche Bank FA, ingresso di peso per la rete di Ruggiu

Fineco, Milano si tinge di verde

Decreto Ristoro: consulenti e agenti sul piede di guerra

Consulenti e agenti, il nuovo dpcm affossa anche voi

Consulenti e investitori, Unicredit vi spiega i certificati divertendovi

Consulenti, perché interviste e sondaggi rafforzano il legame con il cliente

Credem, la rete mette il turbo in Emilia Romagna e Marche

Seminari Anasf: il live streaming in esclusiva per i soci

Elezioni Usa, scoppia la battaglia (d’opinione) tra i consulenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X