Banca d’Italia, nel 2020 aumentano gli esposti per truffe online

A
A
A
di Antonio Potenza 29 Settembre 2021 | 11:30

Escalation di esposti, nel 2020, alla Banca d’Italia su presunti comportamenti anomali di banche e intermediari finanziari. La causa sarebbero le “lamentele all’accesso alle misure governative varate per fronteggiare la pandemia”. A darne notizia è l’Ansa. 

Secondo il rapporto dell’istituto centrale gli esposti sono saliti del 36% a quota 11.230 con una crescita che è proseguita nel primo trimestre del 2021 (2.708 segnalazioni, il 9 per cento in più rispetto al corrispondente periodo del 2020). L’esame delle lamentele presentate nel corso del 2020, inoltre, pare si sia concluso a favore del cliente – in tutto o in parte – in almeno il 45% dei casi. 

Il dato e la notizia vanno incastrati nel quadro storico, ovvero l’incertezza e la durezza dei lockdown Covid. Gli esposti alla Banca d’Italia hanno riguardato anche truffe online sui pagamenti digitali, anche se tuttavia quest’ambito è competenza del giudice ordinario o dell’autorità garante.   In aumento, anche per via del lockdown Covid, gli esposti alla Banca d’Italia per le truffe online sui pagamenti digitali e per gli acquisti sulle piattaforme e-commerce dove però spesso la competenza è del giudice ordinario o dell’autorità garante.

Secondo il rapporto dell’istituto centrale: “la crescita dipende anche dal maggiore ricorso dell’utenza a transazioni online, per effetto dalle restrizioni indotte dall’emergenza epidemiologica; il fenomeno è proseguito quest’anno”. Inoltre segnala Bankitalia anche che tali problematiche siano fuoriuscita a causa del crecente ricorso al commercio online.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ersel diventa banca

Banca Mediolanum, terzo trimestre da incorniciare

BPER Banca , cambio di generazione ed esuberi

NEWSLETTER
Iscriviti
X