Eurozona, la contrazione del quarto trimestre sarà modesta

A
A
A
di Stefano Fossati 27 Novembre 2020 | 12:30

“Il messaggio principale che emerge dalle letture dei sondaggi flash sulle imprese è variegato. Anzitutto, l’attuale livello delle misure di lockdown in tutti i Paesi mostra un impatto ridotto sull’attività rispetto a marzo/aprile. In secondo luogo, il divario tra il settore manifatturiero che resiste da un lato e il comparto più debole dei servizi dall’altro si sta ampliando. In effetti, gran parte dell’indebolimento del Pmi composito dell’Eurozona (84%) è dovuto al rallentamento dell’attività nei servizi“. E’ quanto evidenzia Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud Asset Management.

“È evidente – continua l’esperto – che con i nuovi lockdown attuati in molti Paesi, le attività che prevedono un contatto diretto con la clientela e le aziende che operano nel settore dell’ospitalità siano in sofferenza. Inoltre, abbiamo notato come la componente dei ‘nuovi ordini’ sia dei servizi che del manifatturiero sia diminuita notevolmente, il che suggerisce un’ulteriore debolezza in futuro. Nel complesso, l’economia dell’Eurozona è destinata a subire una contrazione nel quarto trimestre, anche se probabilmente più modesta rispetto a quella registrata nel secondo trimestre. Per quanto riguarda l’inflazione, la lettura finale dell’indice dei prezzi al consumo è invariata, con livelli più bassi di 1 punto percentuale rispetto ai numeri di gennaio/febbraio. Sono quindi molti i fattori che fanno presagire che la Bce annuncerà un ulteriore allentamento a dicembre“.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, 4mila esuberi per restare in piedi

Investimenti: tranquilli, nessun aumento a breve dei tassi per la Bce

Asset allocation, Eurozona: Btp un toccasana

NEWSLETTER
Iscriviti
X